Passa ai contenuti principali

Vicenza non è una città di guerra



James Young "Io un nero sindaco di Philadelphia" 

James Young è stato anche il primo studente di colore alla scuola pubblica Nella città di Mississippi Burning, dove la gente vive ancora con Bibbia e fucile e detesta Obama PAOLO MASTROLILLI inviato a philadelphia Non lo dimenticherò mai: mio padre che dormiva sulla poltrona del soggiorno col fucile in braccio, per essere pronto a difenderci. Era solo un contadino, ma mia madre simpatizzava per il movimento dei diritti civili, e allora capitava spesso che quelli del Ku Klux Klan 2 assalissero le nostre case. Eppure adesso 0 sono qui, seduto sulla poltrona di sinda- 1 co di Philadelphia. È 2 incredibile, anche per me». James Young proprio non ce la fa a nascondere la commozione, ricordando suo padre. Lui aveva solo otto anni, quando il 21 giugno del 1964 un gruppo di membri del Klan rapirono James Chaney, Andrew Goodman e Michael Schwerner, tre attivisti dei diritti umani venuti a Philadelphia, nel Mississippi più razzista, per iscrivere i neri nelle liste elettorali. Chaney era nero e fu linciato; Goodman e Schwerner erano ebrei di New York e li uccisero a colpi di fucile. Il delitto barbaro che avrebbe ispirato il film «Mississippi Burning». Gli assassini erano guidati dal vicesceriffo della Neshoba County Cecil Ray Price e da Edgar Ray Killen, e per avere un po’ di giustizia i familiari hanno dovuto aspettare fino al 2005, quando l’ottantenne Killen è stato condannato a sessant’anni di prigione. Non per omicidio, ma per aver radunato gli assassini che lo avevano commesso. Le urne delle primarie ieri si sono aperte anche qui, a Philadelphia, un paesino di 7.477 anime alla disperata ricerca dell’oblio. Il centro geografico di quello che secondo la Gallup è lo stato più conservatore d’America: la Bibbia in una mano, e nell’altra il fucile. In Mississippi Obama non è odiato: dovrebbe semplicemente non esistere, perché il 46% degli abitanti vorrebbe vietare per legge i matrimoni interrazziali. Oltre il 50% si definisce molto conservatore, non crede all’evoluzionismo, ed è convinto che Barack sia musulmano. A questa ignoranza si aggiunge la povertà, col reddito medio fermo a 26.000 dollari all’anno, e così si capisce perché il milionario di Boston Romney non seduce. Per arrivare in paese si percorrono le colline della «Chaney, Goodman e Schwerner Memorial Highway», e un cartello indica la foresta dove furono massacrati. «Non vogliamo - dice Young - nascondere il passato. Quei tre ragazzi portarono la speranza, e quando li uccisero sentimmo che tutto ci sfuggiva ancora. Eravamo con le spalle al muro, ma ora bisogna guardare avanti». Il centro di Philadelphia è segnalato da uno di quei serbatoi per l’acqua che si vedevano solo nei film di James Dean, e metà delle casette in legno che lo circondano hanno il compensato alle finestre. «La crisi economica - ammette Young - ha colpito anche qui. Siamo sopravvissuti grazie all’agricoltura, l’industria del legname, e i soldi che vengono dal casinò degli indiani Choctaw, abitanti originari di queste terre». Young ha fatto la storia qui. Quando finalmente arrivò un po’ di giustizia, e gli annuari statistici del governo poterono scrivere che l’istruzione a Philadelphia era integrata, la desegregazione in realtà aveva un solo nome: quello di James, primo e unico studente nero della scuola pubblica locale. «I ragazzi bianchi mi insultavano, ma non ho mai subito violenze. Come puoi vedere - dice con un sorriso - sono una taglia piuttosto forte. Ero il più grosso anche a scuola, e questo è servito a risolvere molte cose, almeno sul piano fisico». Preso il diploma Young andò a pulire i pavimenti nell’ospedale di Philadelphia, finché un superiore illuminato gli offrì di fare il corso per infermiere: «Andai a lavorare al pronto soccorso, e là ho costruito la base che nel 2009 mi ha consentito di vincere le elezioni e diventare il primo sindaco nero della città». Punti di sutura, parti, e corse in ambulanza, che gli hanno guadagnato la simpatia di abbastanza bianchi per battere il suo avversario di 46 voti. «Una settimana dopo l’elezione vennero a trovarmi gli agenti dell’Fbi, per sapere se avevo ricevuto minacce. Una sola lettera, dal Kentucky, diceva così: dov’è il Ku Klux Klan, quando serve? Le altre erano tutte positive, perché la mia elezione ha dimostrato la volontà di voltare una pagina della storia». Riuscirci, poi, è un’altra faccenda: «I maestri dell’odio esistono sempre, e il Klan continua ad operare in maniera coperta. Io però non mi lascio intimidire, perché questo è l’obiettivo del razzismo: convincerti che vali di meno, ridurti a cittadino di terza categoria. Se domani qualcuno vuole eliminarmi, sa dove trovarmi: io però rifiuto di abbassare la testa e penso solo a fare il mio lavoro». A Meridian, 35 miglia da qui, vive ancora il fratello di James Chaney, che resta scettico: «Può darsi che qualcosa stia cambiando. La condanna di Killen è stata positiva, ma alcuni degli assassini sono ancora in circolazione. Per me, poi, cosa conta? La mia vita ormai se n’è andata così, tra violenze e soprusi, e nessuno potrà restituirmela». Young invece vuole scrivere un libro sulla sua esistenza, ma lo farà solo dopo aver visto se Obama verrà rieletto: «Adesso molti lo criticano, ma dimenticano che un uomo solo non può cambiare il mondo. Io faccio anche il pastore in una chiesa pentecostale, e il ruolo di Dio lo affido solo a Dio. Obama però ha cambiato le regole del gioco, e se sarà rieletto vorrà dire che la sua vittoria non è stata un caso». Ieri intanto, si è votato per le primarie: «Qui - dice Young - il più popolare è Santorum, un vero conservatore che crede in Dio. Romney è troppo liberal e Gingrich è antipatico». Lo conferma anche Larry Mills, capo del seggio aperto alla Trinity Baptist Church: «Se Romney prende qualche voto, è solo perché il governatore del Mississippi lo ha appoggiato. La gente non crede che uno di Boston possa essere conservatore. Quanto ad Obama, finora qui è venuto un solo elettore registrato con i democratici, e ha votato un candidato repubblicano. Nessuno lo dice apertamente, ma il razzismo resta un fatto». Vicino a Larry annuisce un’anziana scrutatrice di nome Sue, che mentre ascolta fila con i ferri una maglia coloratissima. Azzardo un complimento: sembra un arcobaleno, piacerebbe a mia figlia. Sue non perde un istante, e con la voce cortese del Sud risponde: «E’ tua, prendila. Regalala a tua figlia, e per favore non scrivere che qui siamo tutti cattivi». (La Stampa 14 Marzo 2012)

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e