Incendio ecoballe acerra 19.08.2012



Segue articolo: Dopo Standard Chartered, Deutsche Bank, Commerzbank E Hsbc, Ora Si Scopre Che È Stata Beccata Anche Unidebit

DAGLI STATI UNITI, CETRIOLO ATOMICO PER UNICREDIT - “FT” RIVELA: “INCHIESTA PER VIOLAZIONE DELLE SANZIONI ALL’IRAN” - NEL MIRINO LA CONTROLLATA TEDESCA HVB - SOSPETTI PESANTISSIMI: UNICREDIT POTREBBE ESSERE ACCUSATA DI AVER VIOLATO LE NORME SUL CONTRASTO AI FINANZIAMENTI AL TERRORISMO - LA BANCA AMMETTE: “QUESTIONE NON NUOVA, HVB STA COLLABORANDO PIENAMENTE” CON LE AUTORITA’ - SUPERMULTA IN ARRIVO?... -


a cura di COLIN WARD e CRITICAL MESS
UNICREDITUNICREDIT 1- STATI CANAGLIA E BANCHE PER BENE
Si può usare il nonsense "Stati canaglia", ma è vietato parlare di "banche canaglia" quando qualche istituto di credito viene pizzicato a fare triangolazioni per trafficare armi, petrolio, o altro, con il Grande Puzzone di turno. Benvenuti nel regno delle ipocrisie chiamato "sanzioni internazionali", ma anche nel fastidio dei giornali per le notizie che dispiacciono a chi presta loro i soldi per tirare avanti.

SEDE DI UNICREDIT A PIAZZA CORDUSIOSEDE DI UNICREDIT A PIAZZA CORDUSIO
 
Le autorità Usa stanno costringendo a transazioni miliardarie Standard Chartered (340 milioni di dollari), Deutsche Bank, Commerzbank e Hsbc. Ora si scopre che è stat beccata anche Unidebit e ai quotidiani italiani oggi tocca scriverne un po' per colpa del Financial Times (era tutto a bilancio, ma non siamo stati capaci a leggere).
"Sanzioni a Teheran, inchiesta su Unicredit. Le autorità Usa sospettano una controllata tedesca di transazioni vietate. In caso di violazione dell'embargo, il primo istituto di credito italiano potrebbe perdere la licenza in America" (Corriere, p. 15). Sulla Stampa: "Iran, Unicredit nelle indagini Usa. Il gruppo coinvolto nel dossier per le attività della controllata tedesca Hvb. Piazza Cordusio: ‘Avevamo già dato notizia dell'inchiesta nei nostri documenti" (p. 16).
Pezzo gemello sul Giornale (p. 18), mentre Il Messaggero gestisce la notizia impiombandola in un pezzullo in fondo a pagina 6: "Unicredit sotto inchiesta in Usa. La banca: fatti già noti, collaboriamo". Certo che con un titolo così, uno è proprio invogliato a leggere.
Ma il vero colpo grosso dell'ufficio stampa di Unicredit è con gli implacabili segugi di Repubblica: zero titoli. E da oggi, a proposito di segugi, i quotidiani scateneranno certamente i loro migliori inviati su questa storia. O sono buoni solo ad abbaiare contro i Ricucci e i Lavitola?

MARIO DRAGHIMARIO DRAGHI 
 
2- ULTIME DAL PIAVE "Dalla Germania attacco a Draghi". Titolo a tutta prima sulla Repubblica delle armi (monetarie).
3- OPERAZIONE "RIPARTI CON MONTI" (A DUE EURO AL LITRO)
Continua l'infaticabile spaccio di riforme "per la crescita" (tagli mascherati) da parte dei giornali di governo. Oggi, "Dossier welfare" su Repubblica: "Servizi più equi e caccia ai furbi. Svolta sugli aiuti alle famiglie. Nel nuovo calcolo dei redditi Isee peseranno Imu e indennità sociali". Con precisazioni degne di una vignetta di Altan (quelle con l'ombrello): "Chi perde il lavoro potrà subito aggiornare il proprio stato patrimoniale e godere di un maggior sostegno". Che culo!

Mario_MontiMario_Monti
 
Si impegna il Messaggero di Calta-mattone: "Il governo accelera: in pista un maxi-fondo immobiliare. Allo studio una società per azioni aperta ai piccoli risparmiatori. Sul mercato andranno palazzo di pregio attualmente sedi di uffici pubblici ma anche caserme e concessioni balneari" (p. 3).
Al lavoro anche il Corriere: "Dopo le critiche Monti prepara lo sprint finale. Il premier intende rispondere in prima persona indicando le scadenze di fine legislatura. Innovazione e avvio dell'agenda digitale. Aziende, start up e nuove regole. Pacchetto semplificazioni per imprese e famiglie. Aeroporti e strategia energetica nazionale. Spending review e i 26 miliardi da tagliare" (p. 2 e non P2, fare attenzione). Ecco, dopo tanto zelo, si sono traditi alla fine: l'unica cifra certa sono quei 26 miliardi da tagliare.
FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONEFRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE 
 
4- LA BAVA SEPARATA DALLE NOTIZIE (T'ADORIAM, MONTI DIVINO)
Tornano le mirabolanti avventure di Bat-Mario sulla Stampa dei Lingotti in fuga: "Monti vola a Berlino per sbloccare il Salva-spread" (p. 3). Ancora più ambiziosa l'eroica missione raccontata dal Messaggero: "Monti, tour internazionale per evitare nuove speculazioni" (p. 7).

Filippo Patroni GriffiFilippo Patroni Griffi

Sulla Repubblica degli Illuminati, "Berlino teme per il dopo Monti. ‘Si rischia governo anti-euro'. La continuità di Roma è la vera incognita per dare l'ok all'acquisto di titoli di Stato" (p. 2). Ah, se si potesse eliminare anche quella costosa incognita del rito elettorale ogni cinque anni...

5- MA FACCE RIDE!
"Patroni Griffi: per le riforme useremo un cronoprogramma" (Corriere, p. 3). Dopo "spending review" e "cabina di regia", anche "cronoprogramma" è diventata una fastidiosa parola d'ordine. Non male anche "Addio laboratorio nazionale. Oggi la Sicilia balla da sola" (Stampa, p. 7). Quella del "laboratorio nazionale" è una leggenda provinciale dalle Alpi alla Lampedusa. Da anni ci si fanno sopra delle grandissime pippe a Torino, Genova, Bologna, Palermo eccetera. Pare che perfino ad Ancona si ritengano un "laboratorio nazionale".
CORRADO PASSERA PENSIEROSOCORRADO PASSERA PENSIEROSO 
 
6- NON AVRAI ALTRA LEGGE CHE IL CODICE IBAN
"Debiti di Stato, i paletti delle banche". Un sobrio trafiletto del Corriere delle banche (p. 5) ci informa sul vero stato dell'arte degli annunci di AirOne Passera: "Missione sempre più complicata quella dello sblocco degli 80-100 miliardi dovuti alle imprese dalla pubblica amministrazione dopo i decreti del governo del 22 maggio.

BERSANIBERSANI 
 
Una circolare interna dell'Abi (associazione banche) ha precisato che all'anticipazione finanziaria non avranno diritto le imprese che sono in ‘sofferenza'. Cioè quelle che hanno una situazione finanziaria ‘a rischio', che non riescono a pagare le banche entro 90 giorni e che per il sistema hanno una posizione "difficilmente recuperabile'". Chi comanda in Italia?

7- TUTTI AL LAVORO PER IL GOVERNISSIMO
Dopo i disastri della destra di Papi al governo, un'opposizione anche mediocre avrebbe ottenuto e vinto le elezioni. Invece ci hanno messo un governo di destra per bene e ora si sta facendo di tutto per assicurarci un Rigor Montis Due anche nel 2013. "Una grande rissa a sinistra. Grillo risponde a Bersani: fallito e amico dei piduisti. Dopo che il segretario del Pd ha bollato come ‘fascisti' gli attacchi di Idv e 5 stelle" (Corriere, p. 1). Andranno avanti giorni, per la gioia di tutti gli altri e l'entusiasmo dei loro (ex) elettori.
beppe grillo incazzosobeppe grillo incazzoso 
 
8- FREE MARCHETT
Rubrica sospesa per solidarietà con i giornalisti condannati a scrivere di Iran-gate bancario.
colinward@autistici.org