Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: PREMIO ROBERTO MORRIONE seconda edizione

 

intenti

Il Premio dedicato a Roberto Morrione è una sezione del Premio
giornalistico televisivo Ilaria Alpi e finanzia la realizzazione di progetti
di video inchieste su temi di cronaca nazionale e internazionale rilevanti
per la vita politica sociale o culturale dell’Italia, quali l’attività delle
mafie e delle organizzazioni criminali, l’esistenza di traffici illegali,
come traffici di rifiuti tossici, di armi, di esseri umani, di droghe, ecc.,
le attività di corruzione e di intimidazione, l’esistenza di attività di
organizzazioni segrete o clandestine con progetti eversivi o terroristici,
nonché le violazioni dei diritti umani.

a chi è rivolto

Il Premio è aperto ai giovani che non abbiano compiuto 31 anni di età al
momento della scadenza stabilita per l’invio del progetto al Premio.
I progetti devono essere inviati online secondo le modalità indicate nell’apposito
form
sul sito www.premiorobertomorrione.it. Il progetto dovrà contenere:
scaletta di fattibilità, tema dell’inchiesta, fonti e i testimoni disposti a
collaborare, luoghi e tempi in cui le successive riprese e interviste
verranno realizzate.
Tra i progetti inviati al Premio, ne verranno scelti tre ai quali verrà
assegnato ciascuno un contributo in denaro di 3.000 euro (da erogarsi per un
terzo al momento della selezione e il resto alla consegna del filmato pronto
per la messa in onda). I progetti scelti, nella fase di realizzazione delle
video inchieste che dovrà durare quattro mesi, si avvarranno della
supervisione e consulenza di un tutoraggio sia per le competenze
giornalistiche che per quelle tecniche oltreché di un supporto di consulenza
legale. Le video inchieste realizzate dovranno avere una durata massima di
25 minuti.
Qualora nel corso dei quattro mesi di attività produttiva si manifestino
contrasti o conflitti o altri gravi incidenti che pregiudichino la
realizzazione del lavoro, su segnalazione dei tutor ed a giudizio
insindacabile della giuria, i finanziamenti potranno essere interrotti o
revocati.

le scadenze

La data entro la quale dovranno essere spediti alla segreteria del
Premio i progetti è il 15 dicembre 2012, ed i risultati verranno resi noti
entro il 31 gennaio 2013.
La produzione delle video inchieste avverrà da febbraio a maggio 2013.

il Premio finale

La premiazione finale dei lavori prodotti avverrà all’interno del Premio
Ilaria Alpi a Riccione. Il premio finale, ad insindacabile giudizio della
giuria, consiste in un ulteriore premio in denaro di 3.000 euro per il primo
classificato e di 1.000 euro ciascuno per gli altri due. Il primo
classificato vedrà il suo prodotto messo in onda dalle reti Rai partner del
Premio (Rainews24) secondo tempi e in fasce orarie da loro stabilite.
Gli autori delle video inchieste prodotte si impegnano a sottoscrivere
apposita liberatoria per la pubblicazione delle stesse sia per quanto
riguarda la programmazione televisiva per il primo classificato, sia per una
diffusione internet mediante i canali utilizzati dal Premio Roberto Morrione.
Gli autori si impegnano altre sì a sottoscrivere apposita dichiarazione
di manleva delle responsabilità rispetto al lavoro giornalistico svolto.

per partecipare

Per la partecipazione deve essere compilato il form presente sul sito www.premiorobertomorrione.it,
incluso l’invio web del curriculum personale e una showreel video di massimo
3 minuti (non necessariamente inerente al progetto d’inchiesta proposto).

comitato promotore

Il Premio Roberto Morione è promosso da Piero Badaloni, Barbara
Bastianelli, Giuliano Berretta, Francesco Cavalli, Giovanni Celsi, Vania De
Luca, Giovanni De Mauro, Daniela De Robert, Norma Ferrara, Mara Filippi
Morrione, Lorenzo Frigerio, Giuseppe Giulietti, Udo Gümpel, Albino Longhi,
Massimo Manzoli, Elisa Marincola, Corradino Mineo, Gaia Morrione, Roberto
Natale, Sandro Provvisionato, Sigfrido Ranucci, Ennio Remondino, Nino Rizzo
Nervo, Paolo Ruffini, Marcella Sansoni, Barbara Scaramucci, Marino Sinibaldi,
Maurizio Torrealta.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e