Passa ai contenuti principali

Appuntamento del Giorno: Castel Lagopesole "In Die Natalis 2012"


 Concerto nel Genetliaco di Federico II

Il 26 Dicembre 2012 nella Sala Pasolini alle ore 18.00 prenderà il via la 3° edizione di “in Die Natalis - Concerto nel genetliaco di Federico II di Svevia”, l’appuntamento invernale con la storia ideato dalla Pro Loco di Lagopesole che riprende l’istituzione dei festeggiamenti che lo Stupor Mundi fissò nel 1233 in tutto il regno.
Alla ormai conosciuta descrizione di questi festeggiamenti che Riccardo di San Germano narra nella sua Chronica, una nuova documentazione così riferisce: “Il giorno natalizio dell’imperatore fu la prima festa che prese parte tutto il popolo di Sicilia: saraceni e greci, ebrei e cristiani”.
Da questa antica immagine di convivenza multiculturale che ne scaturisce è derivata la scelta musicale che quest’anno verrà eseguita dall’Orchestra De Falla diretta da M° Pasquale Scarola con l’esibizione di Gabriele Ceci come violinista solista. I brani, infatti, spazieranno dalla musica Rinascimentale e Barocca a quella Classica e al Flamenco per giungere fino a quella moderna per abbattere così idealmente i confini temporali, territoriali e culturali come è successo molti secoli fa.
Anche questa iniziativa, come tutte le altre messe in campo dalla Pro Loco, mira a recuperare una memoria sedimentata e poco conosciuta della identità culturale del territorio.
Immaginando, quindi, che i festeggiamenti di questa ricorrenza siano avvenuti senza confini di
spazio e di tempo a San Germano come a Lucera, a Palermo come a Cosenza, a Trani come anche a Lagopesole è appropriato affermare, come avviene nella Multivisione de “Il Mondo di Federico II”,
“Questa storia è realmente accaduta a Lagopesole. O forse no! Ma poco importa.”, perché le gesta del Puer Apuliae che segnarono il destino e la storia d’Europa oggi rivivono compiutamente nel Castello di Lagopesole.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e