Passa ai contenuti principali

Appuntamento in Primo Piano: FILIANO "ARTE & POESIA"



Domenica 9 dicembre prossimo a Filiano, alle ore 18.00, presso il Centro sociale “Prof. G. Lorusso”, si terrà “Arte & Poesia”, coinvolgente connubio fra immagini e parole.
Saranno, infatti, proposte le composizioni poetiche sentimentali della raccolta “L’abbraccio” di Antonio Pace, e le suggestive pitture di Gaetano Maranzino e Giuseppe Pallitto raccolte nella mostra di “Terre e colori della Lucania”.
«I miei sono versi pieni d’amore e la gente che li legge vi può trovare la poesia della vita e il valore della solidarietà. Forse è proprio questa la forza delle mie pubblicazioni», così definisce la sua poetica Antonio Pace, poeta aviglianese per passione. Nè "L'abbraccio", suo ultimo lavoro scritto per lo più in vernacolo, vengono toccati molti temi: si spazia dall'economia alla globalizzazione, dalla politica al calcio, passando per la difesa dei valori di un tempo, delle tradizioni a sentimenti come la tenerezza, la nostalgia. La silloge è caratterizzata positivamente dall'apprezzabile tentativo dell'autore di recuperare e rilanciare il dialetto aviglianese, ma anche la sensibilità e la capacità di esprimere i sentimenti più nobili, unitamente all'ironia e alla leggerezza di cui spesso si avvale.
La mostra di pittura “Terre e colori della Lucania” evidenzia l’amore dei due artisti per la loro terra natia.
Gaetano Maranzino, pittore di Melfi, può, a pieno titolo, essere annoverato fra i numerosi artisti lucani che, oggi, onorano e arricchiscono il patrimonio culturale della Basilicata. Le sue opere figurano in importanti collezioni private italiane e ed estere. Nelle sue opere egli raffigura la realtà
che lo circonda con perizia e freschezza di linee, e, pur usando pennellate decise e disinvolte, sembra che col pennello accarezzi i paesaggi e gli angoli suggestivi ispirandosi direttamente alla quotidianità, alla maniera dei pittori olandesi del '600.
Giuseppe Pallitto, insegnante elementare di Atella, ha esposto a Potenza e Melfi e partecipato a varie manifestazioni. Dai colori della terra lucana trae ispirazione ed armonia per sue opere: privilegia il paesaggio ed in genere gli aspetti dell’ambiente naturale nelle sue forme più varie..
Parteciperanno all’iniziativa: Giusi Macchia, presidente f.f. della Pro Loco di Filiano; Giuseppe Nella, sindaco di Filiano; Benedetto Carlucci, giornalista e scrittore; Nicoletta Zaccagnino, presidente dell’Associazione teatrale “Gli Sprdus”.
Saranno presenti il poeta Antonio Pace ed i pittori Gaetano Maranzino e Giuseppe Pallitto.
L’iniziativa – curata da Vito Sabia, responsabile della Biblioteca comunale di Filiano – è indetta dall’Associazione Pro Loco di Filiano e dal Comune di Filiano, e si avvale della collaborazione della Biblioteca comunale di Filiano, dell’UNPLI Basilicata e dell’Associazione teatrale “Gli Sprdus”.

Il Presidente f.f.
Macchia Giusi

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e