Passa ai contenuti principali

Contro-Video: Mosca, Manifestazione Opposizione russa



 Segue articolo: BUENOS AIRES DA GIORNI SI SUSSEGUONO SACCHEGGI

TECNO-ARGENTINA - A BUENOS AIRES DA GIORNI SI SUSSEGUONO SACCHEGGI NEI SUPERMERCATI E NEI NEGOZI DA PARTE DI VERI ESERCITI DI PERSONE COL VOLTO COPERTO - SOLO CHE INVECE DI RUBARE CIBO, I BANDITI PUNTANO ALLA TECNOLOGIA: TV E PC - GOVERNO E OPPOSIZIONE SI ACCUSANO A VICENDA - TORNA LO SPETTRO DELLA CRISI DEL 2001, CHE INIZIÒ CON I SACCHEGGI E FINÌ CON LA CADUTA DEL GOVERNO DE LA RUA...

Rocco Cotroneo per "Corriere della Sera"

Cristina Kirchner mostra la nuova banconota con il volto di Evita 
Cristina Kirchner mostra la nuova banconota con il volto di Evita
 
I carrelli del supermercato carichi di maxi tv al plasma ci ricordano che siamo alla vigilia del 2013, ma le immagini che arrivano dall'Argentina hanno un'aria conosciuta. Finisce l'anno e scoppia la rabbia di chi si sente escluso dalla festa. E c'è qualcuno che la cavalca. Il governo di Cristina Kirchner definisce l'ondata di raid ai supermercati come un complotto organizzato dai suoi avversari. I quali replicano altrettanto duramente: non sapete come gestire il malcontento popolare, e vi travestite da vittime.

Cristina KirchnerCristina Kirchner

Il bilancio è di oltre 500 arresti in tutta l'Argentina, molti feriti e ci sono anche due vittime. Si è trattato di una raffica di saccheggi, senza alcuna forma «politica» di protesta. Tutto è cominciato giovedì a Bariloche, città turistica ai piedi delle Ande, che si va animando in questi giorni con gli arrivi per le feste di fine anno, che qui coincidono con l'estate. Il primo assalto prende di mira un supermercato, ma la motivazione non sembra la fame: uomini e donne con il volto coperto da fazzoletti e passamontagna danno soprattutto la caccia al reparto dell'elettronica, scappando con tv, computer e stampanti.

Cristina KirchnerCristina Kirchner
 
Nel giro di poche ore gli attacchi si estendono ad altri negozi della città, e poi cambiano provincia. Centinaia gli arresti a Rosario, dove si contano anche le due vittime: almeno uno dei due sembra sia stato colpito da un proiettile sparato dalla polizia, durante gli scontri. E venerdì l'ondata di razzie si è avvicinata a Buenos Aires.

Cristina KirchnerCristina Kirchner

Cristina KirchnerCristina Kirchner
 
La presidenta Cristina Kirchner tace, è già in vacanza nella sua Patagonia, ma i suoi uomini indicano i responsabili. Abal Medina, capo di gabinetto, parla di «settori del sindacalismo legati ai camionisti», e il pensiero corre subito a Hugo Moyano, potente leader dei lavoratori del trasporto un tempo legato a doppio filo ai governi Kirchner.
«I fatti ai quali abbiamo assistito sono isolati, ma strutturati e organizzati. Nessuno è andato a rubare cibo, ma televisori e liquori. È giusto segnalare chi noi riteniamo siano gli istigatori», dice Medina. Moyano ha replicato che il governo non ha prove, né spiegazioni per i fatti accaduti e preferisce fare la vittima. «Magari li hanno organizzati loro i saccheggi...». Dopo anni a braccetto con la Casa Rosada, Moyano ha organizzato di recente massicce proteste di lavoratori per ottenere aumenti salariali, approfittando del momento difficile che sta attraversando la presidenza di Cristina.

CRISI ARGENTINACRISI ARGENTINA 
 
Non può sfuggire nemmeno la coincidenza tra i saccheggi natalizi di questi giorni con quelli del 2001, che portarono alla rivolta di piazza contro il governo De la Rua, alla sua caduta e all'esplosione della grande crisi di inizio decennio. Analogo malcontento, nella classe media urbana, si è manifestato di recente con i cacerolazos, la rivolta serale delle pentole. È la protesta contro il carovita, e il blocco della possibilità di acquistare dollari per risparmiare o viaggiare. Ma il governo rifiuta il parallelo. «Anche se abbiamo ancora sacche di povertà, l'Argentina di oggi non ha nulla a che vedere con quella del 2001», ha detto il segretario alla sicurezza Sergio Berni.

Buenos Aires Buenos Aires

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e