Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Tempi di Fraternita’, maggio 2013

Editoriale  Luciano JOLLY

SOLITUDINE E VERGOGNA
Oggi è difficile parlare di sentimenti.

Bisogna essere cauti, perché i corpi di Romeo, di Annamaria e di suo fratello Giuseppe sono ancora tiepidi di morte. I primi due, marito e moglie, si sono impiccati nel garage di Civitanova perché non avevano più risorse per vivere; il terzo, fratello della donna, si è annegato nell’Adriatico per l’orrore della scoperta.

Una volta i suicidi non era ammessi in chiesa. Dante, nell’Inferno, li trasforma in cespugli stecchiti. Hanno rifiutato la vita - questo era il pensiero medievale - e non sono più degni di assumere una forma umana.

Ma qui a Civitanova oggi è diverso. Le tre bare sono allineate nella chiesa di San Pietro e Paolo, e la messa funebre è officiata addirittura dal presidente della Conferenza episcopale delle Marche.
   
Gianfranco MONACA

I BUONI E I CATTIVI

Facevo quarta elementare ad Asti nel 1943-44. La scuola, nuovissima, era dedicata ad Arnaldo Mussolini. La mia maestra si chiamava Cleopatra Belleudi, era di Roma. In un’altra sezione la maestra era la signora Bertusi. Avevamo fatto la terza tra l’ottobre 1942 e il maggio 1943 con la divisa da “balilla”, ora iniziavamo la quarta nell’ottobre

1943, dopo le vicende del 25 aprile e l’armistizio dell’8 settembre. La notizia della caduta

del Duce fece tirare un sospiro di sollievo alla gente ormai stremata dalla guerra. Il 25 luglio ero uscito in strada senza dirlo in casa, mescolandomi per curiosità alla folla che festeggiava non capivo ancora che cosa, ma lo imparai strada facendo; si era arrivati davanti alla Casa Littoria tra un gran vociare: la gente voleva entrare, un gerarca in sahariana si era fatto ingenuamente sulla porta …

Servizio biblico

Ernesto VAVASSORI – Kata Matthaion Euangelion (13) Vangelo secondo Matteo

Matteo 5, 5-7

Beati i miti, perché erediteranno la terra

Cosa c’entrano i miti con la terra?

L’evangelista cita il salmo che si rifà ad un episodio

tragico della storia di Israele.

Gli empi sfoderano la spada e tendono l’arco

per abbattere il misero e l’indigente,

per uccidere chi cammina sulla retta via.

La loro spada raggiungerà il loro cuore

e i loro archi si spezzeranno (Salmo 37, 14-15).

I miti invece possederanno la terra

e godranno di una grande pace.

Chi è benedetto da Dio possederà la terra,

ma chi è maledetto sarà sterminato.

I giusti possederanno la terra e la abiteranno

per sempre (Salmo 37(36), 11,22,29).

Arrivati nella terra promessa, dove scorre latte e miele, questa terra era stata divisa in appezzamenti assegnati ad ogni tribù. Poi ogni tribù aveva diviso la terra secondo i clan e i clan secondo le famiglie, in modo che ogni uomo avesse un pezzo di terra.

Il possesso della terra, in oriente, sta a significare la dignità dell’individuo, che permette a lui e alla sua famiglia di condurre una vita dignitosa.

Un uomo senza terra è un uomo disonorato.

 
Tempi di Fraternita’

donne e uomini in ricerca e confronto comunitario

Direttore responsabile Brunetto Salvarani

sito web: www.tempidifraternita.it

posta: tempidifraternita@tempidifraternita.it

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e