Passa ai contenuti principali

Contro-Video: Regione Basilicata "Magna Magna"



Segue articolo: Consiglieri Basilicata cambiavano pneumatici con i soldi della Regione

POTENZA - Pagate anche le gomme dell’auto. Con i fondi pubblici erogati dalla Regione per l’assolvimento del mandato i consiglieri regionali lucani hanno pagato anche il cambio delle gomme dell’auto.

È uno degli ultimi particolari che emerge dalle carte dell’inchiesta sui rimborsi degli esponenti politici del Consiglio regionale lucano. Un nuovo dettaglio che si aggiunge agli altri che sono venuti fuori in questi sei mesi d’indagine sulle spese fatte dalla casta. Dopo i viaggi, dopo i pranzi compresi quelli all’estero, dopo le feste di compleanno, ora, dalle pieghe dell’inchiesta della Procura potentina vengono fuori anche i cambi delle gomme dell’auto. Gomme termiche in alcuni casi, cambi di gomme e convergenze effettuati sulle automobili private e che alcuni consiglieri avrebbero pagato con i fondi ottenuti legati all’assolvimento del mandato.

Regione Basilicata Spuntano rimborsi per pranzi mai fatti

POTENZA - Un ristoratore amico. Un ristoratore che molti consiglieri regionali lucani avrebbero scelto per rendicontare pranzi e cene, pagati con i fondi pubblici.

Spunta anche questa pista nell’inchiesta su presunte irregolarità nei rimborsi ottenuti dai consiglieri regionali lucani in base all’articolo 6 ed all’articolo 11. Una pista che gli inquirenti stanno seguendo per verificare se i pranzi e le cene che sono stati rendicontati siano avvenuti realemente oppure siano state solo virtuali.

Già perchè il sospetto su cui stanno lavorando gli investigatori sarebbe questo. Un sospetto legato anche al fatto che un intero blocchetto di fatture del ristorante di proprietà dell’imprenditore (che avrebbe anche altre attività) è stato trovato in possesso di un esponente del Consiglio regionale e non del ristoratore. Ma non solo. Perchè gli investigatori si sono anche resi conto che sempre da quel ristorante proviene la gran parte delle ricevute presentate dai consiglieri regionali lucani.
 

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e