Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi


Ripartire dalle differenze

A Firenze non si parla d'altro che del principesco matrimonio che la figlia di un magnate indiano ha scelto di celebrare e festeggiare nel capoluogo toscano, tra venerdì e domenica prossimi. Tre giorni in cui i luoghi più belli della città saranno a disposizione degli sposi e dei circa novecento invitati, provenienti da tutto il mondo. Otto milioni di Euro la spesa sostenuta, che prevede, tra l'altro, l'allestimento in una delle più belle piazze del lungarno di una serra arredata a giardino d'inverno, adibita al rilassamento dei convenuti.
Attenzione ad arricciare il naso, perché di questi tempi eventi del genere sono, per il tessuto economico locale e per l'amministrazione municipale, come il sole primaverile dopo un inverno piovoso. Questa, per fortuna, è l'Italia. Un marchio di bellezza, come dimostra il dato sulle entrate turistiche per l'anno 2012, cresciute del 3% rispetto al 2011 (fonte Banca d'Italia), nonostante la crisi globale ed infrastrutture per l'accoglienza spesso tutt'altro che accoglienti. Certo una riflessione a margine non può mancare e cioè di quanta distanza ci sia nel mondo, tra una ristrettissima minoranza di multimiliardari ed una larghissima maggioranza di quasi nullatenenti. Si dirà che così è sempre stato, il che innegabile. Ma se l'evoluzione della specie umana ha ancora un senso, non può che trovarlo in un ordinamento sociale, rappresentato in primo luogo dallo Stato, capace di ridistribuire le ricchezze tra la collettività. Aggiustare, senza soffocare, le dinamiche del mercato, favorendo il coninvolgimento attivo del maggior numero di imprese ed operatori, utilizzando al meglio le entrate da tasse e imposte. Si tratta di aprire le menti ad un nuovo modo di pensare, cominciando ad applicarlo nel piccolo, perché poi sia naturale concepirlo oltre ogni confine geografico. Allora anche le disparità - benché assurde, come questo faraonico matrimonio - saranno tollerabili e la libertà sarà finalmente uno stimolo e non un pesante fardello da sopportare.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e