Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi

 Obama: ipocrita elitario o vero statista? 

“I ragazzi del presidente sono più importanti dei vostri?”. Con questa domanda si apre lo spot* che l'Associazione Nazionale dei Fucili, potentissima lobby americana, sta diffondendo via web e tv contro la decisione di Obama di vietare la detenzione di armi nelle scuole. Quindici secondi di diabolico genio comunicativo, con un linguaggio visivo modernissimo, per convincere che solo la presenza di guardie armate negli istituti può garantire l'incolumità degli studenti. Il presidente viene definito senza mezzi termini un “ipocrita elitario”,
visto che chiede ai benestanti di pagare le giuste tasse, ma altrettanta equità non rende loro in termini di sicurezza: “è scettico nel prevedere agenti di sicurezza armati nelle scuole, quando i suoi figli nelle loro sono protetti da guardie armate”. Questo episodio ci dice almeno due cose sugli Stati Uniti d'America. Primo, che nella patria del capitalismo la politica ha evidentemente saputo sviluppare una certa autonomia dal potere economico, tale da rendere inevitabili forme di scontro così aperto (ma anche, al contrario, simbiosi perfette quando il liberismo è agenda di governo). Secondo, che la presidenza Obama non è solo una bella icona da esibire al mondo intero e, ci si auspica, la conferma del suo secondo mandato permetterà di dimostrarlo.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018