Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi

  Why Italy is unfit for Democracy 

C'è una bella differenza tra quel "Berlusconi is unfit to lead Italy", che l'Economist pubblicò nel 2001, ed il "Monti is not the right men to lead Italy" del Financial Times di qualche giorno fa. Nel primo caso si trattava di una copertina che, alla vigilia delle elezioni, dichiarava l'incapacità personale del candidato premier del centrodestra. Nel secondo, invece, si prende atto dell'inadeguatezza strutturale italiana a permettere ad un qualunque individuo, tecnico o politico, di governare bene il paese.
Il giudizio sull'anno di governo Morti è certo magro, in particolare attribuendo il calo dello spread all'altro Mario, Draghi, ma lo si colloca tra la premessa che l'economia italiana ristagna da oltre dieci anni e la conclusione che, con questa legge elettorale, nessuna solida maggioranza uscirà dalle urne. All'Italia si chiede di rimanere nei paletti della Comunità Europea e né Monti, né Bersani, né Berlusconi, sono ritenute opzioni politiche credibili a tal fine. La conclusione è quantomeno disarmante, auspicando un nuovo governo tecnico che, ancora a guida Monti e con il consenso dei poteri forti, mantenga perlomeno la rotta dell'austerità. Come dire: "why Italy is unfit for democracy".

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018