Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi

 Non si abbia paura di ricordare

       In ogni dittatura, nell'operato di ogni despota, si rintracciano impronte di utilità sociale, ma sono queste appena la marcatura di uno stivale il cui piede schiaccia con spietatezza la testa dell'uomo libero. Al primo colpo di vento, sabbia si aggiunge alla sabbia e l'orma scompare. Ne rimane però il ricordo. Ecco allora che, invece di aspettare quando la prossima folata ricopra l'ormai scomoda impronta, conviene altresì farne un indelebile calco, non a testimonianza di gloria, bensì a monito di sconfitta.
La sconfitta dell'uomo che, per tornaconto individuale, per un assaggio di benessere che allevi le ristrettezze di una vita povera ogni giorno di più, sceglie di chiudere gli occhi o, anzi, li tiene bene aperti, spalanca la bocca, dispiega il braccio.
      In Italia durante il fascismo non furono però solo dei poveracci e degli ignoranti le mani che brandirono, le grida che accusarono, gli occhi che spiarono. Assai più pieni gli stomaci che furono ricolmati, assai più colte le menti che assecondarono. Sta forse in questa confusione di volontà ed appetiti, che identici non sono cessati né con la caduta del regime, né con la liberazione, né con la democrazia, il verme insidiatosi nella pancia del paese. Un verme che ancora oggi divora dall'interno la coscienza dell'Italia. Si è atteso che il vento si levasse e nulla più. Come stupirsi allora se periodicamente qualcuno rivanga la lieta memoria di fasti maledetti. Con quali fatti smentirlo, visto che l'impronta è scomparsa, visto che i cattivi erano altri, parlavano una lingua straniera, avevano volti e divise che non erano nostri. Visto che noi italiani siamo... brava gente. Diventino fatti riconosciuti da tutti le bonifiche, le colonie estive, lo sport sociale, le affermazioni industriali, i monumenti e le grandi opere. Siano questi messi accanto alla storia delle violenze, delle privazioni, della corruzione, dei soprusi e dei abusi. Ci sia ben chiaro allora come i morsi della fame e le bramosie di potere rendono l'uomo malleabile e complice anche ai più atroci crimini, in una deriva che ancora oggi può colpire tutti, senza distinzioni di razza, sesso, istruzione e ceto.
        Allo stesso tempo, però, sia per noi forza e speranza la consapevolezza che, anche nei periodi più bui, l'individuo, per quanto piccolo di fronte al male, ha il potere di rifiutare l'orrendo compromesso, pagando di persona, piuttosto che arraffare il lembo di carne lanciatogli come fiero pasto. Tenerne vivo il ricordo è un dovere, inalienabile.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e