Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio

"Galleria delle Armi" di Salvio Esposito

La chiamavano "Galleria delle armi", perché venivano disseminate le armi dai briganti meridionali in lotta contro il neonato stato unitario. In quella galleria, vicino a Balvano, in Basilicata, si è consumato il più grave incidente ferroviario d'Europa. Sono trascorsi quasi settant’anni da quella notte tra il 2 e 3 marzo del 1944, mentre la guerra incombeva su quelle popolazioni stremate da fame e distruzioni. Quel maledetto treno merci 8017 contribuì a rendere ancora più angosciosa la vita di una comunità oltre ogni immaginabile destino.
Morirono più di 500 persone in quella fredda notte nella Galleria delle Armi, subito dopo la stazione di Balvano, in provincia di Potenza.
Molti altri furono i dispersi, un numero ancora oggi imprecisato. E nel sonno non si accorsero neppure della tragedia, respirando il monossido di carbonio sprigionato dalle ciminiere delle due locomotive a vapore, che trainavano il lungo convoglio che da Napoli era diretto a Potenza. Si trattò di una tragedia annunciata, benché nel verbale del 9 marzo 1944 del Governo Badoglio si legge testualmente: "La sciagura deve attribuirsi alla pessima qualità del carbone fornito dal Comando Militare alleato perché già si era verificato, sulla stessa tratta, un caso di morte per asfissia del personale di macchina di un treno dell'autorità alleata". Era carbone proveniente dalla Jugoslavia, di quello pessimo che sprigionava poco calore e tanto monossido di carbonio. Sulla linea Napoli-Potenza gli anglo-americani avevano istituito solo due treni alla settimana per i viaggiatori, tutti gli altri erano treni merci che servivano per il trasporto di materiale militare. Ora un libro di Salvio Esposito "Galleria delle Armi" (Marotta &Cafiero editori) ha riaperto le ferite mai lenite di quella tragedia, le cui responsabilità non sono mai state chiarite del tutto. Esposito, psicoterapeuta prodigo alla scrittura, ne traccia le vicende umane con un romanzo tra invenzione e realtà. Il romanzo storico raccoglie testimonianze e riscrive i profili di gente comune alla ricerca di vivande e mezzi di sopravvivenza, a pochi mesi dalle storiche Quattro Giornate di Napoli. Quel treno serviva alla popolazione per rifornirsi di generi di prima necessità, che scarseggiavano nelle grandi città ed erano reperibili solo nelle zone interne come le campagne lucane. Ma su quel treno c'era anche chi doveva viaggiare, e per assenza di mezzi pubblici era obbligato a salire su quei carri merci. Le cifre del disastro però furono superiori come emerse dagli articoli sul Corriere della Sera e un trafiletto del New York Times. Esposito immagina una serie di personaggi alla ricerca della verità. Tante probabilmente le cause: soprattutto le locomotive alimentate da carbone non idoneo e il sovraccarico di passeggeri, un treno eccessivamente lungo su una salita ferroviaria impervia, la sostituzione della locomotiva elettrica con due macchine a vapore in testa al treno nella stazione di Salerno. Il governo Badoglio bollò quelle vittime come "viaggiatori di frodo" e il silenzio avvolse una delle più grandi tragedie ferroviarie del secolo scorso. Una tragedia seppellita in fretta, come furono seppelliti in fosse comuni i 519 deceduti nel cimitero di Balvano, dopo aver buttato della calce viva su di essi. A quei corpi si poteva dare una sepoltura migliore, in modo tale che i familiari ne potessero far riesumare i resti. Trentasei anno dopo, Balvano ritorna alla cronaca per il terribile sisma del 23 novembre 1980, nel quale il crollo della chiesa seppellì decine di bambini. Nomi come Balvano evocheranno sempre quella pietas arcaica, oltre ogni oblio e gli opportunismi della storia.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e