Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Primo censimento degli organi storici della Basilicata

Nell’ambito del festival di musica antica “Thesaur Musicae”, giunto alla VII° edizione, si terrà il 23 maggio - alle ore 18,30 nella sala del Consiglio Comunale di Trivigno - la conferenza di presentazione del primo censimento programmatico degli organi storici della Basilicata, a cura di Cosimo Prontera. Relatori Adolfo Cuccarese e Samuele Di Filippo.
L’iniziativa, a cura del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Musica Gesualdo da Venosa di Potenza, con il patrocinio di Città Cultura del Comune di Potenza, conta sette appuntamenti che spaziano fra mostre, conferenze e concerti sul repertorio dei secoli XVII e XVIII , ideazione e progettazione artistica di Cosimo Prontera, direttore Umberto Zamuner.



Il censimento degli organi storici della Basilicata è una delle finalità del CeRM (“Centro Ricerche Musicali” l’Organo di Trivigno).



Il sodalizio nasce nel 2011 con un progetto ben preciso: il recupero e il restauro dell’organo della chiesa matrice di San Pietro Apostolo

L’antico strumento, considerato una vera e propria opera d’arte di indimenticabile nobiltà e potenza, venne costruito nel 1753 dall’organaro Leonardo Carella.

I componenti del CeRM, guidati dal presidente Don Antonio Rossi, con la collaborazione del maestro Cosimo Prontera, esperto del settore, Direttore Artistico e Scientifico del progetto, si sono impegnati in questa singolare “operazione di salvataggio” dello storico strumento, considerato fra i più belli ed interessanti della regione.

Il proponimento ha dato l'input a nuovi progetti musicali, musicologici e organologici, tra cui la creazione di un anagrafe attraverso il primo censimento sistematico degli organi storici di Basilicata



Il CeRM, associazione senza scopo di lucro, ha come obiettivo:

- Tutelare e promuovere il patrimonio musicale, religioso e storico-culturale del territorio attraverso multiformi soluzioni.

- Promuovere la Cultura musicale attraverso multiformi soluzioni quali concerti, conferenze, registrazioni, edizioni, ricerca e convegni.

- Costituire un centro di ricerche musicali con la collaborazione di altri Enti (Conservatorio, Università, ecc).

- Preservare e divulgare la Cultura, le tradizioni ed il patrimonio artistico del territorio.





Addetto Stampa

Lucia Santoro


telefono 349 5124460



CeRM

Michele Gilio


telefono: 328 7528603


Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018