Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: “Arte e salute: la scena della cura”

Mercoledì 29 maggio alle ore 9 presso l'auditorium dell'Irccs Crob di Rionero in Vulture, l'Irccs, il liceo classico e il liceo artistico statale C.Levi organizzano la seconda edizione del convegno sul tema dell'umanizzazione delle cure “Arte e salute: la scena della cura”

Si terrà mercoledì 29 maggio la seconda edizione del convegno sull'umanizzazione delle cure  “Arte e salute: la scena della cura” organizzato dall'Irccs Crob in collaborazione con l'Istituto d'arte Carlo Levi e il liceo classico di Rionero in Vulture. Scopo del progetto è provare a creare una connessione tra il mondo dell'ospedale e quello esterno utilizzando il contributo delle arti per umanizzare le cure.
A tale proposito un gruppo di studenti degli istituti di istruzione superiore, accompagnati dallo psicologo dell'Irccs Crob, ha frequentato per due mesi i reparti dell'Istituto incontrando alcuni pazienti che hanno voluto raccontare la propria esperienza di vita. Al termine del percorso i ragazzi hanno tradotto le proprie sensazioni scaturite dall'incontro in poesie e raffigurazioni grafiche. Questi elaborati saranno esaminati da una commissione valutatrice, presieduta dal direttore amministrativo dell'Irccs Crob, Maria Mariani, e nel corso del convegno di mercoledì saranno premiate le due opere migliori. Tutti gli elaborati grafico - artistici e poetici, inoltre, saranno raccolti in una pubblicazione che riprodurrà le opere degli allievi coinvolti al fianco dei pazienti. Al convegno prenderanno parte il direttore generale Irccs Crob Pasquale Francesco Amendola, il sindaco di Rionero Antonio Placido, l'assessore alla Sanità Attilio Martorano e il presidente della Regione Vito De Filippo. Ad introdurre i lavori della giornata la relazione del direttore sanitario Irccs Crob Sergio Maria Molinari. Sarà ospite il prof. Giorgio Bedoni psichiatra e psicoterapeuta presso il Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura dell'Azienda Ospedaliera di Melegnano, autore di diverse pubblicazioni sul connubio tra arte e pischiatria. Bedoni terrà una lectio magistralis sul tema “Linguaggi dell'arte e processi di cura”.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018