Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: A cavallo dall’Adriatico al Tirreno – coast to coast sulla Via Herculea

Conferenza stampa di presentazione dell’evento  giovedì 23 maggio alle ore 18:00 presso l’Agriturismo “La Valle dei Cavalli”   in Contrada Piani di Carda ad Atella


La conferenza presenterà il programma dell’evento che partirà il prossimo 25 maggio da Manfredonia per concludersi a Maratea il 1 giugno.

     Il lungo percorso vedrà protagonisti una quindicina di cavalieri e partirà da Manfredonia, nei pressi di Scalo dei Saraceni,  per poi toccare l’Incoronata di Foggia (Agriturismo Rota rotta). Seguendo quindi lo storico tracciato della Via Herculea, i cavalieri toccheranno la Basilicata: Monticchio presso Villa delle Rose, quindi Atella all’Agriturismo Valle dei Cavalli, a Rifreddo presso la Vecchia Fattoria, a Marsiconuovo all’Agriturismo Vignola, a Lagonegro presso Valsirino e ai Carconi, per poi concludersi a Maratea presso Mararanch.  

 Dall’Appennino al Tirreno – Coast to coast sulla Via Herculea è patrocinata dalla Regione Basilicata, dalla Provincia di Potenza, dall’Alsia e dall’APT. Parteciperanno alla presentazione dell’evento, presieduta da Salvatore Summa, il dr. Rocco Sileo dell’ALSIA, l’assessore provinciale al turismo Nicola Figliuolo, il dr. Stefano Del Luogo del CNR di Tito, il dr. Mariano Schiavone dell’Apt. Il coordinamento è affidato ad Armando Lostaglio, giornalista.  Equiturismo Italia, presieduta da Salvatore Summa, anche quest’anno propone, dunque, un fitto calendario di iniziative per appassionati di equitazione, con il fine di avvicinare alla cultura della natura, mediante l’equitazione. L’evento intende infatti promuovere il territorio lucano attraverso l’ambiente incontaminato, il mondo del cavallo e non ultima la gastronomia.  

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018