Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Rionero in...scuola, sport e solidarietà

 Rionero in...scuola, sport e solidarietà 

Si terrà il prossimo 23 maggio, nel glorioso stadio “P. Corona” di Rionero in Vulture, la Terza Edizione del triangolare calcistico di beneficenza intitolato “Rionero in...scuola, sport e solidarietà”. L'evento sportivo è organizzato dall'I.I.S. “C. Levi” in collaborazione con l'I.I.S. “G. Fortunato” e l'Assessorato allo Sport del Comune di Rionero e vedrà protagonisti i quattro licei della città fortunatiana. Una giornata non solo sportiva ma anche di solidarietà: i proventi raccolti dagli studenti verranno interamente donati alla Conferenza San Vincenzo De' Paoli,
organizzazione senza fini di lucro che dal 1938 fornisce un sostegno concreto alle famiglie indigenti. 
Alle 11.00 l'evento si sposterà al Palazzo “Giustino Fortunato” dove si terrà un convegno pubblico sul tema “AllenaMente: lo sport allena il corpo e la mente”. Al dibattito interverranno i dirigenti scolastici Giovanni Gruosso e Antonella Ruggeri, il Presidente A.I.A.C. Basilicata Gerardo Passerella, il Sindaco di Rionero in Vulture, Antonio Placido, e l'ex allenatore di Bologna e Torino, oggi Presidente Nazionale dell'A.I.A.C., Renzo Ulivieri. Grazie alla presenza di un esperto LIS, interprete del linguaggio dei segni, i lavori potranno essere seguiti anche dai non udenti.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018