Passa ai contenuti principali

EVASION, giornale del libero pensiero

Record nazionali

 Testo 02 

Scoperta a Chicago, in Illinois, una piantagione di marijuana grande quanto due campi da calcio. 1.500 piante per un valore di mercato di 10 milioni di dollari. E' la più grande coltivazione di cannabis sequestrata finora nella zona. Al momento non ci sono indagati, la Polizia sta investigando. Nel frattempo la piantagione è stata trasformata in due campi da calcio. (Fonte: LaPresse) 

Miracolo! 

Testo 01 

Era considerato morto ma dopo oltre 45 minuti di massaggio cardiaco il suo cuore ha ripreso a battere. E' accaduto a Roma a un giovane di 26 anni, soccorso per un arresto cardiocircolatorio mentre viaggiava a bordo di un treno. Il convoglio era in orario. (Fonte: Ansa, scritta da Antonio S.)  

Recuperiamoci. Ridiamo vita al cibo!   

Immagine Articolo 

Grazie alla collaborazione tra Caritas, Banco Alimentare e Gruppi di Volontariato Vincenziano, dai primi di settembre ad Alessandria è entrato in servizio il cargo-bike “Recuperiamoci”, una bicicletta con carretto che passa di supermercato in negozio raccogliendo il cibo invenduto e ridistribuendolo a chi ne ha bisogno. Per ora beneficiano del servizio 100 famiglie, che ricevono una spesa settimanale di prodotti freschi. Si spera di poter allargare l'iniziativa con l'adesione di nuovi esercizi commerciali. (Fonte: Alessandrianews.it)  

Allattami, la banca del latte materno

Immagine Articolo 

Aperta in questi giorni a Bologna la quarta Banca del latte materno dell'Emilia Romagna. L'obiettivo è raccogliere 600 litri di latte materno all'anno per far fronte al fabbisogno delle terapie intensive neonatali del Policlinico di Sant’Orsola e dell’Ospedale Maggiore. L'iniziativa è nata in collaborazione con Granarolo. Chi s'immaginava che la Lola facesse anche latte materno... (Fonte: Buonenotizie.it)

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018