Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi

La piena vigenza della legge sull'ineleggibilità politica

Luciano Violante, nel dichiarare che la norma sull'ineleggibilità politica non può essere fatta valere, oggi, per Silvio Berlusconi, richiama però un particolare rilevante. Lui dice, infatti, che nelle precedenti legislature la Giunta per le elezioni non ha affatto disapplicato la legge, ma, proprio applicandola e votando no, ha permesso l'elezione del leader del centrodestra. La ragione, è bene ricordarlo, è l'individuazione di Fedele Confalonieri quale concessionario per Mediaset. 

Questo cambia le cose, perché fino ad oggi è stato detto che la norma in questione, contenuta nel DPR n. 361/1957, non era mai stata applicata per Berlusconi, cadendo dunque in una sorta di prescrizione di fatto. Al contrario, è grazie appunto al medesimo dettato normativo che egli è stato riconosciuto eleggibile, poiché considerato non titolare della concessione televisiva. La disposizione del 1957 c'è, non è affatto ricoperta di ragnatele ed è nei poteri del Parlamento verificare periodicamente, sulla base di una inchiesta, se un suo membro sia divenuto qualificabile come concessionario nell'intervallo tra una elezione e l'altra. E' così improbabile che nuovi elementi di fatto e di diritto, maturati ad esempio nei processi che vedono Berlusconi regista delle strategie Mediaset, non permettano di affermarne la sua primazia nel gruppo? D'altronde, se un cittadino viene erroneamente giudicato nullatenente dal fisco, quando l'agenzia delle entrate si accorge dello sbaglio, non è che fa finta di nulla perché così è sempre stato.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018