Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi

 Un piccolo uomo libero

A settanta anni è morto l'attore Carlo Monni, il che dirà poco e nulla a chi risiede fuori da Firenze o non è fine conoscitore della comicità toscana. Non è stato un grande artista, ma se il successo lo ha rifiutato, lui, al contrario di molti (assai meno dotati) colleghi, non lo ha inseguito. Il successo ti rovina, non sei più libero, diceva. Al cinema ha spesso interpretato il padre sboccato ma onesto ed ha lanciato Massimo Ceccherini, cosa in verità per cui molti forse lo malediranno. Era un animale da palcoscenico, che calcava da uomo libero, appunto.
Non una stella, ma nemmeno una stalla e si infurierebbe se fosse ricordato solo come spalla di Roberto Benigni a Televacca. Preferirebbe l'oblio dei mass media, confidando nel ricordo della sua gente, quegli ultimi della società da lui recitati nei versi scritti da Benigni per Berlinguer ti voglio bene di Giuseppe Bertolucci. Noi semo quella razza che l'è fra le più strane, che bruchi semo nati e bruchi si rimane, quella razza semo noi è inutile fa' finta, c'ha trombato la miseria e semo rimasti incinta. Con questa razza passava il tempo libero da impegni artistici, che non gli sono mai mancati. Lo incontravi a camminare lungo l'argine dell'Arno, perché lo scorrere dell'acqua lo aiutava a pensare, da maggio in poi a torso nudo e a piedi scalzi. Peccato che in una Firenze infuriata per la mancata qualificazione in Champions League, la sua scomparsa passerà in sordina, secondo la dura legge dello spettacolo. Lui però lo avrebbe capito, replicando col solito sorriso, a metà tra il giullare e il buon bevitore, ma mai fuori da ruspanti pasti. In una delle ultime interviste rilasciate, il migliore epitaffio: “ringrazio Dio di non avermi dato troppo successo. Fuori dalla Toscana sanno una sega chi è Carlo Monni, ma va bene così. Godo più alla Festa dell’Unità di Poggibonsi che al Metropolitan”*. Ciao Carlo, piccolo uomo libero.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018