Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Festival di Potenza

AL VIA ISCRIZIONE 13ESIMA EDIZIONE

Dopo l’edizione dello scorso anno con la quale il Festival di Potenza si è liberato definitivamente dell’etichetta di ennesimo concorso per voci emergenti e si è trasformato in un appuntamento nazionale della musica e dello spettacolo di qualità con richiamo di agenti, produttori, addetti ai lavori, titolari di scuole e artisti provenienti in particolare dal centro-sud, al via le iscrizioni per la tredicesima edizione.
Quest’anno il festival si terrà a Potenza con la serata finale il 30 novembre sempre presso il Conservatorio di Musica Gesualdo Da Venosa e le iscrizioni scadranno il 19 ottobre prossimo. L’ammissione alla serata finale sarà definita da una commissione di esperti designata dall’organizzazione (il suo giudizio è insindacabile), che provvederà all’esame del materiale inviato. E’ stato deciso un numero massimo di 14 partecipanti proprio per offrire la massima visibilità e quindi favorire il contatto con gli operatori del settore. Il nuovo corso del Festival (senza alcun rimpianto per il concorso che negli undici anni precedenti ha registrato oltre 300 partecipanti con punte di eccellenza) è entrato nella fase di maturità.
Dopo l’esordio per la nuova formula lo scorso anno – sostiene Mario Bellitti “patron” della manifestazione – contiamo di fare un nuovo passo avanti per dimostrare che anche da Potenza si può promuovere spettacolo di qualità e, con idee fortemente innovative, oltre che lavorare per la formazione artistica dei giovani. L’ho detto in occasione dell’annuncio del progetto di Scuola di Musica di Mogol a Spinoso o lo ripeto adesso: ben vengano tante iniziative di formazione. Noi dell’Associazione Mabel in verità ce ne occupiamo tutto l’anno e non saltuariamente e il Festival rappresenta un punto di arrivo. Ad esempio in questa stagione estiva di spettacoli abbiamo prodotto un concerto dal vivo con una serie di musicisti tra i quali Pelle di Luna Band attraverso una sperimentazione di contaminazione tra professionali musicali ed orchestrali, un concerto svolto in diverse piazze che è stato particolarmente apprezzato.
Il Festival è un progetto dell’Associazione Culturale “MABEL” composta da un gruppo qualificato di Operatori dello Spettacolo, guidato dall’agente di spettacolo e “patron” Mario Bellitti, con l’adesione dell’ASMEA (Associazione Spettacolo Management e Artisti).  Partner, inoltre: La Nuova TV (Digitale terrestre canale 12 - Sky Canale 840), CD&M srl -Musica & Multimedia (Stampa CD – DVD. Recording Studio, Postproduzione, Master Multimediali, Packaging), Radiostartv (web music chanel), Comunicati musicali (web music chanel), Canale Sei Tv (canale 144 visibile in Campania, basso Lazio, Molise e alta Calabria).

L’idea-intuizione del patron ed agente di spettacolo Mario Bellitti si realizza mescolando gli ingredienti classici della produzione musicale con qualche elemento di modernità ed innovazione e soprattutto con la partecipazione di giovani e volti nuovi. Il risultato: un mix tra professionalità e qualità artistiche note al grande pubblico, giovani con una grande voglia di dimostrare la crescita professionale (dopo studio e sacrificio) e di trasmettere emozioni al pubblico.
Per le iscrizioni al Festival, si dispone del sito www.festivaldipotenza.com

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018