Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lomabardi

La botte è vuota, ma la moglie ha ancora sete

Quando il viceministro Catricalà afferma che, nel mondo della competizione globale, l'idea di avere tutte aziende italiane è puramente onirica, dice una dura verità. Anzi, indora la pillola, perché alle condizioni attuali l'Italia sembra destinata a perdere ben più di qualcuna delle sue realtà produttive. Lo Stato italiano non ha più né l'autorevolezza per imporre la propria ragione imperativa sulle logiche della competitività, né le risorse per affermarsi come attore di mercato.

A prescindere dalle peculiarità del caso Telecom, azienda che i diversi governi hanno usato per scopi anche oscuri e lontanissimi dalle finalità statutarie, fanno (amaramente) sorridere gli esponenti del PD e, in particolare, del PDL, che chiedono al presidente Letta di battere un colpo. Il solo colpo che questa classe politica può attendersi, coerentemente al suo agire in aula e fuori, è quello del battitore d'asta che stocca il nostro patrimonio pubblico. Da alcuni anni ormai, una delle parole più usate dai nostri rappresentanti eletti è dismissione. Far cassa vendendo le proprietà statali, così da evitare l'introduzione di nuove imposte, poterne abrogarne altre e rimandare una razionalizzazione seria della spesa pubblica e del fisco. Alla parola dismettere, il politico di turno usa collegare l'immagine di caserme abbandonate o immobili fatiscenti, che invece rimarranno sul groppone dei contribuenti, così come le elefantiache società a partecipazione pubblica che erogano pessimi servizi, impiegano eserciti di raccomandati e ogni anno iscrivono a bilancio nuove perdite. Dai tempi di Tototruffa son passati più di cinquanta anni e di babbei col portafoglio colmo, ne sono rimasti davvero pochi. Le promesse elettorali costano, le riforme mancate si pagano e dunque è piuttosto ipocrita chiedere allo Stato un ruolo che ha ormai svenduto da tanto, tanto tempo.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e