Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi

Le pericolose abilità del diversamente abile Alfano

Se, usando l'espressione “diversamente berlusconiano”, Angelino Alfano abbia inteso rifarsi una verginità politica, magari in vista di un Letta bis senza il Cavaliere, sappia che la piega non è quella giusta. E' plausibile che un imprenditore dichiari di ammirare lo spirito del Berlusconi uomo d'affari e di commerci, come per un certo verso si può definire il “berlusconismo”, ma non i relativi mezzi attraverso i quali dare corpo a questa abilità. Un politico invece non potrà mai portare avanti le istanze del berlusconismo, seppur con metodi diversi,
senza essere egli stesso Silvio Berlusconi o un suo fedele servitore. Perché, se è logico che nel libero mercato l'obiettivo di ogni attività economica sia il profitto individuale, preferibilmente temperato con altre finalità di interesse più generale, il fine della politica nelle democrazie liberali non deve mai essere l'interesse personale. Se così è stato, per oltre venti anni, è perché l'Italia ha costituito un'anomalia democratica. Comprensibilmente Alfano intende sfruttare il logo Berlusconi, che vale alcuni milioni di voti, ma l'operazione che intende fare, per come si presenta, è destinata a fallire. Sarà un fallimento per lui, per la sua carriera politica e, almeno in attesa che due alternative partitiche serie si affaccino anche sulla nostra scena elettorale, forse anche per il paese.

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…