Passa ai contenuti principali

Autori Underground


GLI ALTRI
di Vittorio Baccelli 

Sono sempre lì sui tetti più alti, in attesa. Guardano verso il basso i movimenti degli uomini, talvolta scendono tra loro. Sono in tanti, hanno occupato soprattutto le città e anche le vecchie fabbriche dismesse.
A una prima superficiale occhiata sembrerebbero tutti uguali, ma forse sono gli abiti che loro indossano a renderli così simili l’uno all’altro. Portano tutti scarpe nere di pelle, hanno pantaloni neri con cintola anch’essa nera, una t-shirt e uno spolverino impermeabile molto lungo a un solo petto con moltissimi bottoni e un lungo spacco sul dietro, anche tutti questi abiti sono neri, ovviamente. Pure la fodera del soprabito è nera, ma la caratteristica principale di tutto quest’abbigliamento è che gli abiti sono stazzonati e sembrano sempre un po’ polverosi. Loro osservano l’umanità, la seguono da sempre attentamente, talvolta si mescolano ad essa, molto raramente intervengono direttamente nelle faccende umane.  Gli uomini non possono vederli anche se talvolta n’avvertono la presenza. Loro hanno tutti sembianze maschili. Quando un uomo muore, talvolta uno di loro è accanto a lui e lo aiuta nel trapasso. Più raramente quando qualche umano sta male, uno di loro lenisce col solo contatto i suoi dolori. È successo che siano intervenuti per proteggere qualcuno: da un incidente, da un’aggressione, da un tentativo di procurarsi la morte.  Alle volte assistono senza intervenire alle nascite nelle sale parto di qualche ospedale. Il più delle volte osservano indifferenti l’agitarsi senza senso degli uomini.
Io riesco a vederli, non so perché, ma riesco a vederli. Quando si accorgono che li sto osservando fuggono veloci o restano fermi spaventati a guardarmi. Alle volte li costringo a parlare con me, lo fanno malvolentieri e la maggior parte di loro restano muti e spaventati ad osservarmi.  Sono un po’ più alti di noi, sui due metri e hanno tutte le nostre caratteristiche. I loro volti sono alle volte simpatici, alle volte inquietanti. Sono tutti maschi, chissà perché. I loro capelli sono scuri, corvini, non hanno barba e pochissimi peli, ali non ne hanno e neppure volano, s’arrampicano bene, quello sì. Quando si muovono per raggiungere i posti più alti, che sono quelli che preferiscono, sembrano un incrocio tra gli stambecchi e l’uomo ragno: salgono con facilità e agilità estrema, sono uno spettacolo vederli, talvolta sono rimasto incantato per ore a guardarli salire. Il colore della loro pelle invece muta, qui nella mia città non sono tutti bianchi, ho visto anche qualche nero e anche un orientale. Sono tutti magrissimi. Uno di loro ha acconsentito a conversare continuamente con me. Si chiama Didim, ha lineamenti europei e uno sguardo inquietante, capelli neri lunghi, è vestito come tutti gli altri e pure lui sembra sempre polveroso. Lo incontrai per la prima volta su una torre cittadina, una di quelle aperte d’estate ai turisti. Eravamo in pieno inverno e io avevo la chiave d’accesso alla torre, salii per osservare gli altri fermi sui tetti sottostanti, ma sulla torre, in piedi ritto su un merlo c’era lui. S’accorse subito che riuscivo a vederlo e sul suo volto non scorsi paura e voglia d’andarsene, ma curiosità. Per la prima volta uno di questi esseri aveva mostrato curiosità. Gli rivolsi così la parola e lui sorridendo mi rispose come fosse un umano qualsiasi, ci scambiammo i nostri nomi e da allora iniziò un’amicizia tra di noi. Cosa molto rara mi dice Didim, ma degna di cura. Ci siamo incontrati e abbiamo parlato molte volte, poi lui si è sistemato sul tetto della mia casa, così quando desidero stare con lui lo chiamo e subito entra nel mio studio che ha una finestra che dà sui tetti. Ho saputo molte cose di loro, che sono immortali o quasi, che sono molto legati all’umanità perché sono apparsi sulla Terra nel momento in cui è apparso l’uomo, che non hanno bisogno di cibo e solo raramente bevono qualcosa. Quando se ne stanno in alto immobili ascoltano un’armonia divina che solo loro riescono ad udire. Possono aiutare sia gli uomini che gli animali quando si trovano in difficoltà o stanno male, li possono guarire istantaneamente con l’imposizioni delle mani, ma sentono il bisogno di farlo sono in rarissime eccezioni. Talvolta aiutano i bambini a nascere o gli uomini a morire. Non sono umani, non sono né demoni né angeli, sono gli altri. “Credi in dio?” Gli ho chiesto un giorno. “Cos’è dio?” Mi ha risposto. Un tempo gli altri hanno generato con delle donne, sono nati i nefilim, esseri mentalmente troppo complicati e fortunatamente si sono sistemati in un altro mondo. Ho cercato di capire dove, ma le risposte non erano chiare, penso che siano in una dimensione vicina alla nostra, contigua. Didim ora parla sempre più volentieri con me, dice che ogni tanto si generano amicizie come le nostre, quando sorgono devono esser coltivate: queste amicizie hanno un fine, e  Didim mi ha detto che questo fine è positivo, ma lui non può dirmelo, gli è vietato. Non ho insistito e l’amicizia prosegue. Alle volte ci vediamo un film in TV o ascoltiamo un po’ di musica. Visto che ogni tanto qualcosa bevono, gli ho fatto assaggiare un po’ di tutto: acqua minerale, menta, aranciata, liquori, cocacola, birra, ecc. l’unica bibita che ha trovato gradevole è stata la cocacola e ogni tanto me ne chiede qualche goccia. Ora sa che ne ho sempre nel frigo e quando la desidera se la va a prendere. Almeno una volta al giorno ci si bagna le labbra. Gli ho fatto provare anche le sigarette e anche queste non gli sono dispiaciute. Adesso gira con un pacchetto di Marlboro e un accendino bic usa e getta in tasca. In una tasca interna del suo lunghissimo spolverino, l’unica tasca che loro hanno. L’accendino che gli ho regalato è ovviamente nero, ero certo che gli sarebbe piaciuto. Fuma comunque pochissimo: una o due sigarette per l’intera giornata e talvolta se n’è stato un giorno intero senza accendersene una. Qualche volta usciamo assieme, si va in giro per la città, gli altri della sua razza quando si accorgono che siamo assieme ci guardano stupiti, alcuni preoccupati. Alle volte mentre passeggiamo per una strada ci mettiamo a guardare in alto verso i tetti e vediamo un affollamento di teste che ci osservano: li salutiamo con la mano e ci mettiamo a ridere. Abbiamo girato tutto il centro, siamo andati con la mia auto al mare e in montagna, ma in auto lui ci si trova a disagio, mi sa che soffre un po’ di mal d’auto. L’altro giorno siamo entrati in una chiesa, era zeppa di loro. È una chiesa incuneata trai vicoli della città più vecchia, tutta pietre e marmi scolpiti che ricordano una primitiva impostazione medioevale mescolata a rifacimenti barocchi. Facce e animali s’intrecciano ad alberi, rampicanti e fiori nelle incisioni sulla pietra, anche il pavimento è in pietra. C’era un organo che diffondeva le sue note in sottofondo e profumi misti a vapori d’incenso volteggiavano per l’aria. Poche luci soffuse creavano un’atmosfera irreale. Non c’erano umani, ma solo loro, tutti in piedi e immobili ai lati della chiesa, sul pulpito almeno dieci di loro se ne stavano dritti impalati guardando il soffitto. Mi sono seduto su una panca, Didim è rimasto in piedi accanto a me. La maggior parte di loro stava fissando l’altare, anzi il loro sguardo era diretto un po’ più in alto dell’altare ove c’era una vetrata rotonda con vetri colorati che lasciavano entrare la luce esterna in un tripudio di colori. Malgrado i miei sforzi non sono riuscito a mettere a fuoco quale fosse il disegno della vetrata, non era un disegno geometrico, sembrava piuttosto astratto, ma la sua forma confondeva la vista. Dopo un bel po’ Didim m’ha fatto un cenno e siamo usciti. L’unica cosa che mi ha detto è stata “Che bella chiesa, vero?” Ho annuito e siamo tornati a casa, io dentro casa e lui sul tetto con gli occhi rivolti al cielo.
Stamani quando mi sono svegliato ho trovato su una sedia a lato del mio letto tutta una serie dei vestiti che loro indossano, c’era sopra un biglietto con su scritto “Sono per te. Buon Compleanno. D.” Solo allora mi sono rinvenuto che era il mio compleanno. Didim se l’era ricordato, non mi sovviene però d’averglielo mai detto, o forse l’ha scoperto da solo girando tra le cose della mia casa. È un dono che m’ha riempito di gioia. Ho preso in mano i vesti, morbidissimi al tatto, dev’essere un tessuto incredibilmente buono ma lo strano è che sembra polveroso. Anche le scarpe, nuovissime e col tocco polvere, potrebbe essere una nuova moda! Mi sono spogliato completamente e ho indossato gli abiti, c’erano anche un paio di mutande tipo slip, calzini e una canottiera come quelle della salute, il tutto color nero sporco, ovviamente. Ho sorriso perché i capi dell’intimo non li avevo mai visti. Era tutto perfettamente della mia misura, anche la cintura che aveva un solo foro, incredibile! Una volta rivestito mi sono guardato allo specchio: ero bellissimo.
Mi sono allora tolto la catena d’oro che porto al collo e anche il braccialetto, non mi sembravano intonati al nuovo look. Ho cambiato l’orologio che avevo al polso, un swach di plastica tutto colorato, con un Invicta triangolare dal quadrante nero e cintolino di pelle nera.  Così mi sono sentito veramente a mio agio. Ho preso un pacchetto di Marlboro e un accendino, è d’argento ma ne troverò uno nero quanto prima, e ho infilato tutto nella tasca interna dello spolverino. Ho poi scavalcato con estrema agilità il davanzale dello studio e ho cominciato a salire verso la parte più alta del tetto. Didim era lì immobile con lo sguardo rivolto verso l’alto. Mi sono fermato accanto a lui e ho iniziato a seguire il movimento delle nuvole. Sono stato circa un’ora in questa posizione, poi mi sono girato verso di lui e sorridendo gli ho detto “Grazie!”. Lui lentamente si è girato, mi ha guardato a lungo, ha sorriso e “Ti è piaciuto il mio regalo?” “Moltissimo” gli ho risposto. Abbiamo rivolto il nostro sguardo verso l’alto e siamo rimasti immobili tutto il giorno. Un’ incredibile musica divina ha raggiunto le mie orecchie, ma non era solo musica era un inno un atto creativo, una fusione con l’universo, di più non saprei descrivervi.

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.