Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: GIOVEDÌ E VENERDÌ LA 30ª EDIZIONE DELLA VIA CRUCIS VIVENTE DI FILIANO



 GIOVEDÌ E VENERDÌ LA 30ª EDIZIONE DELLA VIA CRUCIS VIVENTE DI FILIANO
 
Un volume fotografico per celebrarla
“Due sono gli aspetti fondamentali che contraddistinguono la Via Crucis vivente di Filiano. L’impronta della manifestazione scelta negli anni e che si preferisce adottare anche per il futuro, si è sempre incentrata su un senso più realistico e palpabile dell’evento (la croce che Gesù porta fino al Calvario è di legno pesante), ponendo in prima battuta la spontaneità della parola, del gesto, dell’azione, ben convinti dall’esperienza maturata che solo così si realizza e si percepisce un forte evento spirituale.”
Con queste parole - inserite nella presentazione del volume “1984-2014 • FILIANO • 30 ANNI DI VIA CRUCIS”, realizzato dalla Pro Loco di Filiano per celebrare il trentennale della “Via Crucis vivente” -, Vito Sabia - organizzatore storico della manifestazione – descrive quella che per Filiano rappresenta una tradizione particolarmente sentita per il suo forte senso di aggregazione nel rappresentare la Passione di Cristo.
Il volume - attraverso le foto (archivio Cine Foto Gruosso) sapientemente selezionate da Mimmo Gruosso e Vito Sabia ed elaborate dal grafico Luciano Colucci -, ripercorre la “storia” della Via Crucis vivente di Filiano: dal lontano 1984, quando un gruppo di giovani del luogo – guidati da Antonio Mecca e poi confluiti nel costituendo Circolo A.N.S.P.I. “Vitalba” - con pochi mezzi e molto entusiasmo, misero in scena la prima edizione, realizzando con le proprie mani tutto ciò di cui avevano bisogno, dai costumi alle scenografie, fino ad oggi dove la manifestazione viene organizzata dall'Associazione Pro Loco di Filiano, che muovendosi sul solco della tradizione cerca di dargli continuità e da diversi anni tenta di rinnovarla ed ampliarla, tanto che oggi la rappresentazione coinvolge quasi 100 persone tra attori e organizzatori.
“Da ormai 30 anni, - dichiara Vito Filippi, presidente della Pro Loco di Filiano - ininterrottamente, Filiano e i suoi abitanti vivono con straordinaria intensità e propongono ai tantissimi ospiti provenienti anche da regioni limitrofe una manifestazione di notevole interesse religioso e d’effetto scenico. È un appuntamento che si ripete, ma la rappresentazione ogni anno si rinnova e si arricchisce sin dal lontano Venerdì Santo del 1984.”
Ambientata nella suggestiva cornice dei vicoli del centro storico rievoca in costumi e scenari avvolgenti momenti a tema della Passione e Morte di Gesù Cristo. Nel corso degli anni, è divenuta una tra le più riuscite manifestazioni del periodo pasquale nel Vulture-Melfese per la forte e intensa proposizione di un dramma umano e religioso della cristianità, per l’accurata ricerca storica e per l’attenta ricostruzione dei luoghi evangelici.
Lo svolgimento della manifestazione si articola in più scene coinvolgendo attori non professionisti reclutati tra la popolazione filianese, tra i quali si sono sempre distinti i giovani che hanno interpretato il ruolo di Gesù con un drammaticità ed una forza espressiva tali da rasentare l’estasi mistica e le giovani nel ruolo di Maria, rivestito anch’esso con un’intensità ed un pathos coinvolgente, specialmente nell’attimo dell’incontro con Gesù sulla via del Calvario quando, dal loro volto, sono sgorgate vere lacrime di commozione.
Le fasi salienti della Passione sono il Processo davanti a Càifa e Pilato, seguito dalla condanna del Cristo che, vacillante sotto il peso della pesante croce, percorre le vie del paese. Lungo il percorso, avente come scenario le strade ed i vicoli della cittadina, si susseguono l’incontro con Simone di Cirène, la Veronica, le Pie Donne, la Samaritana e quello ancor più commovente con la Madonna, oltre alle tre cadute di un Cristo che, sempre più affaticato, procede verso il Calvario.
I personaggi e tutto il popolo si riuniscono in un lungo e suggestivo corteo che accompagna il Cristo nel suo doloroso cammino verso la croce, fino al “golgota”, allestito in uno dei luoghi più affascinanti del paese, la collinetta che sovrasta Villa Mancini, per l’occasione illuminata da fiaccole che rendono il tutto più suggestivo ed emozionante.
La “Via Crucis vivente” di Filiano si svolgerà giovedì 17 aprile alle ore 21.00 in Piazza SS. Rosario, e venerdì 18 aprile 2014 con partenza alle ore 17.30 da Piazza Autonomia.
Le novità della trentesima edizione sono la realizzazione dell’Ultima cena (realizzata anche nell’edizione del 2009), la cattura di Gesù nell’orto degli ulivi (scena realizzata per la prima volta nel 1989 e ripetuta negli anni 1991, 2000 e 2009) e l’inserimento di un nuovo personaggio, Barabba.
La Sacra rappresentazione della “Via Crucis” con personaggi viventi di Filiano si caratterizza anche per la grande partecipazione dei giovani della propria comunità. Infatti, accanto agli interpreti “storici”, gli altri figuranti sono tutti giovanissimi, in particolar modo per quanto riguarda i ruoli più significativi. La partecipazione di molti giovani alla realizzazione di questo dramma sacro popolare e vedere soprattutto quanto essi siano partecipi di questa tradizione è importante: questo consente di tramandare la “Via Crucis” alle nuove generazioni, in modo che la tradizione continui.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e