Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: A Satriano torna la sagra dell’asparago






Appuntamento da non perdere il 25 aprile a Satriano di Lucania con la Sagra dell'Asparago Selvatico. Giunta alla seconda edizione la manifestazione unirà, nel segno del gustoso germoglio che cresce in abbondanza tra le colline e le montagne dell'Appennino Lucano, momenti outdoor e buona cucina.

Cuore della sagra sarà il ristorante La Botte scelto dalla rivista Al Parco, che la organizza in collaborazione con l'associazione Orti del Melandro e il comune di Tito, come punto di partenza ed arrivo degli eventi della giornata.
Si comincerà in mattinata con un' escursione nei boschi alla ricerca degli asparagi selvatici durante la quale i partecipanti, oltre a vivere la dolce fatica della raccolta, potranno conoscere la specie spontanea anche nelle sue qualità organolettiche, botaniche e biologiche grazie alla puntuale illustrazione affidata alle parole del dott. Felice Lapertosa.
Al rientro dall'escursione, presso il ristorante La Botte si consumerà la sagra vera e propria con un pranzo completo il cui ingrediente principale sarà ovviamente l'asparago selvatico lucano.
Intorno alle 16:00 poi, gli organizzatori proporranno una seconda escursione questa volta alla scoperta delle bellezze del sito archeologico di Satrianum. Il posto, a due chilometri dal ristorante, verrà raggiunto in auto e poi a piedi, con una breve camminata fino alla cima. Qui i partecipanti potranno immortalare la loro giornata a Satriano con una foto ricordo sul terrazzo della Torre Normanna.
Sarà possibile prendere parte a tutte o anche alle singole attività della giornata.
Per informazioni chiamare il 392 343 0184 oppure scrivere una email ad alparcolucano@gmail.com

La Sagra dell'Asparago Selvatico, anche quest'anno, è uno degli eventi green di Al Parco. Per il pranzo verranno utilizzati esclusivamente prodotti di stagione e a chilometro zero e per compensare la CO2 sono stati piantati alberi a Matera. L'iniziativa è realizzata a sostegno della candidatura della città dei Sassi a capitale europea della Cultura nel 2019.

L'evento è patrocinato dal Dipartimento all'Agricoltura della Regione Basilicata.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e