L'Opinione di Marco Lombardi

 20140403_sp24renzi-b-comuni

A vostra disposizione eccellenza

Se in sede di dibattito parlamentare la "tagliola" è utilizzata per impedire gli effetti di una opposizione dura, viene da chiedersi cosa abbiamo avuto per oltre 50 anni in Italia. Non ci vorranno forse dire che il diavolo e l'acquasanta, incarnati prima nel PCI escluso per convenzione dalle decisioni del governo e poi dall'antiberlusconismo sopra ogni cosa, altro non erano che una versione alla volemose bene di Peppone e Don Camillo? Perché se così fosse, per rimanere nell'ultimo ventennio, le tante leggi scandalose denunciate dal centrosinistra, potevano essere evitate grazie al semplice ostruzionismo. Insomma, approvare una legge sul voto di scambio politico-mafioso scritta a quattro mani con FI, alla luce anche del mandato di arresto per mafia appena spiccato contro Marcello dell'Utri, qualche dubbio lo crea. Ma poi, perché tutta questa urgenza, tale da legittimare la tagliola? I maliziosi dicono che l'impellenza di elezioni europee ed amministrative sia la ragione di questa premura. A poche settimane dal voto, in due consultazioni che permettono l'assegnazione di preferenze, i contratti tra politici e mafiosi sarebbero pronti per la firma.

Marco Lombardi