Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi

 

A chi ha vissuto lo spettacolo del calcio attorno alla seconda metà degli anni '80, da praticante o semplice spettatore, la morte di Vujadin Boskov non lascia indifferenti. Con il suo stile inimitabile egli rappresenta un'icona di quel circo, nel cui tendone agì da artista e con l'entusiasmo del bambino di fronte ai virtuosismi dell'equilibrista.

"Non ho bisogno di fare la dieta. Ogni volta che entro a Marassi perdo 3 kg", questa la sua passione sconfinata per il pallone. Innamorato sì, ma non pazzo d'amore, in una lucidità secondo cui “meglio perdere una partita 6-0 che sei partite 1-0" e “testa di calciatore buona solo per portare cappello”, che gli permise di prendere le distanze da un fenomeno sociale avviato alla deriva degli idoli presenti più sui rotocalchi che in campo.
Un disincanto che non intaccò la sua predilezione verso i fuoriclasse, coloro che "vedono autostrada dove altri vedono piccoli sentieri”. E ne ebbe tra le mani. «Vialli e Mancini sono meglio di Sanchez e Butragueno» e, soffocando le risatine degli addetti ai lavori, con loro vinse una Coppa delle Coppe (1990), uno scudetto (1991) e perse per un soffio, quello potentissimo di Ronald Koeman, la finale della Coppa dei Campioni (1992). Nota a margine, fu lui, allenatore della Roma, a far esordire un certo Francesco Totti in serie A – anche se sul gioiellino di Trigoria il capolavoro lo fece poi un altro grandissimo, Carletto Mazzone. Ottimo fiuto quello di Boskov nello scovare i talenti, ma ritenendoli tali solo se funzionali al gioco di squadra, non lesinando invece bocciature ai giocolieri fini a se stessi, come quel "Benny Carbone che con sue finte disorienta avversari ma anche compagni". Altro che Mourinho e il suo stitico “zero tituli”!

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e