Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Cairano. RECUPERA / RIABITA, restart 2014!


Il 21 e 22 giugno, a Cairano (Av), nel lungo elenco degli eventi visionari di 7x, ci sarà “Recupera / Riabita”. Ripartiamo dalle risorse naturali per riabitare l’entroterra appenninico rurale, recuperare relazioni, paesaggi e architetture, ripopolare i piccoli paesi abbandonati, coltivare la terra incolta, salvare la bellezza dei piccoli borghi.
 
Ripartiamo dall'entusiasmo, dalla capacità di resistenza, di adattamento per sottolineare l'importanza dell'Appennino meridionale, invertire i programmi governativi di centralizzazione e inurbamento e valorizzare le nostre montagne, terra di eccellenze agroalimentari, bacini idrici da difendere, paesaggi da conservare, biodiversità da tutelare. Recupera e Riabita, nato nel 2012 dall’Abbazia del Goleto in Irpinia col "Cammino di Guglielmo", quest'anno, in sinergia con il Forum Ambientale dell'Appennino, giunge alla sua terza tappa dopo gli eventi del 17 maggio a Volturara Irpina sull'inquinamento in Piana del Dragone e a Castelvetere, il 31 maggio, sulla mappatura delle discariche nelle aree di ricarica delle sorgenti. L'evento, inserito nel programma di Cairano 7x, con il supporto di Dragone Group Entarteinment e il comune di Cairano vede la partecipazione della costituenda Fondazione 7x Terre felicitanti, Forum Ambientale dell’Appennino, Piccoli Paesi, L’Albero Vagabondo, Irpinia Turismo, Slow Food Alta Irpinia, Aria Nuova Ariano, Touring Club Campania. Sabato 21 giugno, nel solstizio d'estate, il giorno più lungo dell’anno, dalle 10 alle 19.00, nella Chiesa di San Leone, Visionary rural corner, nove ore no-stop di testimonianze per la salvezza del territorio appenninico e della salute alimentare con l'obiettivo di stabilire relazioni felicitanti e produttive tra i nuovi protagonisti della rinascita dell’appennino rurale. Si susseguiranno circa 50 interventi di 7 minuti ognuno, con esperti eccellenti e testimoni privilegiati invitati da Angelo Verderosa (Piccoli Paesi) che porteranno esperienze di autoproduzione alimentare, economia sostenibile, scenari alternativi, risorse naturali, paesi e paesaggi, nuova ruralità, cultura abitativa dell’appennino, recupero e architettura. Alle 11.00 il programma prosegue con la Festa del Colore dell'Albero Vagabondo che insieme ai bambini di Cairano aspetterà i più piccoli per installare sull’orto comunitario le loro opere d'arte, adottare un fiore e scrivere una favola per difendere l’Appennino. La giornata prevede momenti di emozioni visive intense con la proiezione dei video-clip ‘Recupera-riabita’ e ‘I mulini della salute’, il video-collegamento di Dario Bavaro e Luigi D'Angelis con Franco Dragone, le mostre "Il deserto abitato", di Antonio Bergamino, Claudia D’Angelis e Mariano di Cecilia e "Paesaggio Cairano", di Antonio Luongo. Dalle 13 alle 15 pranzo nell’orto comunitario con il grande chef Peppe Zullo. Il pomeriggio il corso fotografico "Come raccontare il paesaggio" di Antonio Bergamino e il laboratorio formativo de L'albero Vagabondo "Comunicare per difenderci", con Virginiano Spiniello ed Edaurd Natale, diretto ad associazioni e comitati civici, sugli strumenti di comunicazione di base per informare l’opinione pubblica e i media sulle criticità ambientali. Ad oltranza, nel giorno più lungo dell’anno, si proseguirà con l'accostamento tra arte e enogastronomia e, mentre i mercatini della salvezza alimentare di Slow Food Alta Irpinia apriranno i battenti nella chiesa di San Leone, il "Terzo eccetera" presenta lo spettacolo teatrale e musicale “Questa valle sacra” di Vincenzo Blues. Al termine la Scuola di Tarantella montemaranese continuerà lo spettacolo con una danza sfrenata nella notte più corta dell’anno. Il programma, consultabile sul blog Piccoli Paesi, proseguirà domenica mattina 22 giugno con ‘Esercizi di ammirazione nel paesaggio’ ed ‘Approfondimenti appenninici’, con la partecipazione al Corpus Domini e l’assegnazione del primo premio Recupera / Riabita ad un ‘nuovo abitante’ dell’Appennino meridionale. Paesaggio, Terra, Ambiente : ripartiamo dalle risorse delle aree interne per un modello di sviluppo compatibile fondato su turismo e agricoltura sostenibile. PROGRAMMA COMPLETO, aggiornato con i nomi dei partecipanti http://piccolipaesi.wordpress.com/2014/06/11/recupera-riabita-restart-2014/ INTERVENTI dei relatori 
(i primi pervenuti):

http://piccolipaesi.wordpress.com/category/cairano-7x/cairano-7x-2014/ 

FOTO utilizzabili http://piccolipaesi.wordpress.com/2014/06/11/cairano-fiorito-le-foto/ https://www.flickr.com/photos/verderosa/collections/72157620909752974/ 

FOTO del borgo, con riportati gli autori https://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157619348604589/

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…