Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Melfi. Incontro con l’autrice Adriana Valerio, storica-teologa del libro “Le ribelli di Dio – Donne e Bibbia tra mito e storia”



DONNE

Eva, Sara, Rebecca, Rachele, Lia, Rut, Noemi, Ester, Giuditta, Marta, Maria, la Maddalena, la Samaritana… Nell’Antico e nel Nuovo Testamento non compaiono solo figure maschili ma anche tante donne. Fondatrici di stirpi, profetesse, sono donne qualunque che si trovano a svolgere un ruolo cruciale, memorabile nella storia delle loro comunità e della religione. Sono donne che hanno la forza di essere protagoniste del loro destino.



Osano sfidare Dio, come Eva, che trasgredisce l’ordine divino e si assume le responsabilità di una vita autonoma; osano opporsi all’autorità maschile, come Miriam che rivendica il proprio ruolo di profetessa con Mosè, o come Giuditta che uccide il nemico Oloferne; antepongono principi superiori alle leggi umane, come le levatrici che salvano Mosè andando contro i voleri del Faraone, o come Ester aiuta il suo popolo sfidando l’impero persiano; osano piegare le leggi maschili a favore delle donne, come fanno Tamar e Rut.

Compiono scelte ardite ma sono ugualmente difese e accolte da Dio. E poi ci sono le donne che hanno interpretato i racconti biblici, teologhe che hanno letto e rielaborato i testi sacri. La presunta inferiorità femminile ricavata dall’interpretazione di certi passi della Bibbia è servita soprattutto a legittimare discriminazione e subalternità della donna, ma non è scontato che questo sia l’autentico e unico senso. Adriana Valerio, tramite una lettura di genere di alcune figure femminili della Bibbia, dimostra infatti che la si può leggere liberandola dalle categorie patriarcali e riconsegnando alle donne la dignità e il messaggio salvifico rivolto anche a loro dalla fede cristiana.





Venerdì 27 Giugno, ore 18.00

Sala incontro Albergo Il Tetto, Piazza IV Novembre, Melfi

Incontro con l’autrice Adriana Valerio, storica-teologa del libro

 “Le ribelli di Dio – Donne e Bibbia tra mito e storia”


Iniziativa promossa da: dottrinasociale.it


Adriana Valerio, storica e teologa, è docente di Storia del Cristianesimo e delle Chiese presso l'Università Federico II di Napoli.

E' stata presidente dell'Associazione Femminile europea per la ricerca teologica e della Fondazione Valerio per la storia delle Donne.

Tra le fondatrici del  Coordinamento Teologhe Italiane è attualmente direttrice della  collana internazionale la Bibbia e le donne.

Da più di vent'anni si occupa della ricostruzione della presenza delle donne nella storia  cristiana


Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…