Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: “U’ Masc’”di Pietrapertosa


Dal 14 al 15 Giugno 2014 
 Si rinnova a Pietrapertosa l’appuntamento con la festa dell’albero della cuccagna, meglio conosciuto come “il Majo”.

Si tratta di una tradizione che ha origini antiche, ma che ogni anno suscita non poco entusiasmo in tutti coloro che vi partecipano. Il rito arboreo è dedicato a S.Antonio di Padova, motivo per cui il taglio dell’albero avviene il 13 Giugno, nel bosco di Montepiano. Si individua uno dei cerri più alti e più dritti del bosco, il cui tronco “sposerà” la cima di un agrifoglio, anch’essa accuratamente scelta. Il taglio dell’albero è occasione di ritrovo per i pietrapertosani che, dopo essersi alternati per abbattere la gigantesca la pianta a colpi di accetta, si riuniscono in un’area pic-nic , per consumare la “pastorale” (antica ricetta dei pastori, a base di carne di pecora cotta in un brodo di ortaggi). Intanto le donne, in paese, già dall’alba sono alle prese con l’impasto dei biscotti non a caso detti “di S. Antonio”, che saranno poi offerti a tutta la popolazione nella fase successiva della festa: il trasporto dell’albero in paese, che avviene generalmente il sabato che segue il 13 Giugno. Già dal venerdì sera, uomini e ragazzi del posto si recano nel bosco, nei pressi dell’albero abbattuto, per trascorrere la nottata e prepararsi al “lavoro” del giorno successivo; non mancano canti, balli e diverse portate di carne alla brace. Fin’ora, però, non sono stati mensionati i veri protagonisti della festa: i buoi; sono loro infatti che, uniti a coppia da un giogo e guidati dai “ualani” (i loro padroni), trasporteranno l’albero (già privato dei rami e scortecciato) lungo tutto il tragitto. Anche durante la giornata non mancano momenti conviviali, utili a rifocillare i “ualani” e a dare un momento di tregua ai buoi. Quella del trasporto è sicuramente la fase più coinvolgente, quella a cui partecipa un gran numero di persone, le quali non si fanno spaventare dal lungo percorso da effettuare a piedi. All’arrivo nel centro abitato, ad accogliere l’albero c’è sempre una gran folla di persone, che sulle note della banda , festeggia buoi e padroni per l’impresa ormai quasi compiuta. Manca solo l’ultimo tratto del percorso, quello che porta al convento di S.Francesco, luogo presso il quale si compirà il rito il giorno successivo. La domenica mattina, si lavora di buon’ora per accoppiare il prestante cerro e il lucente agrifoglio per dare vita al “Majo”.A fine mattinata, al termine della processione per le strade del ridente centro dolomitico, i portatori della statua di S.Antonio si fermano posizionando il Santo come ad osservare gli uomini che, dotati di grosse funi, dall’alto del campanile del suddetto convento, innalzeranno l’albero. Uno sforzo tutt altro che indifferente. Qualche ora di pausa e ha inizio la scalata: molti tentano di raggiungere la cima, incitati dagli applausi della folla con il naso all’insù, ma l’impresa è ardua e pochi durante il corso degli anni hanno avuto il merito di portarla a termine, conquistando dei premi precedentemente stabiliti. 

CONTATTI: PRO LOCO T. - 
F. +39 0971 983529 MOB: +39 320 8337801 www.prolocopietrapertosa.it 
prolocopietrapertosa@tiscali.it

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…