Passa ai contenuti principali

Brasile, prosegue l’operazione per salvare la tribù più minacciata della terra

Dopo mesi di campagna di Survival International, il governo del Brasile sta finalmente intervenendo per sfrattare gli invasori illegali dalla terra degli Awá.
Dopo mesi di campagna di Survival International, il governo del Brasile sta finalmente intervenendo per sfrattare gli invasori illegali dalla terra degli Awá.

L’operazione condotta dal governo brasiliano per allontanare tutti gli invasori dalla terra degli Awá è arrivata alla sua quarta settimana.
L’intervento su larga scala coinvolge diversi ministeri, il Dipartimento brasiliano agli Affari Indigeni FUNAI, l’esercito, la polizia federale, l’ufficio del Presidente e una squadra di terra composta da almeno 200 agenti.
L’operazione è una risposta alla campagna mondiale lanciata da Survival per salvare dall’estinzione la tribù più minacciata della terra.

Gli Awá sono la tribù più minacciata della terra, senza la loro foresta non potrebbero sopravvivere.
Gli Awá sono la tribù più minacciata della terra, senza la loro foresta non potrebbero sopravvivere.

Sono state consegnate almeno 369 ingiunzioni di sfratto, che hanno raggiunto il 90% degli occupanti illegali del territorio.
A partire dal momento in cui ricevono l’avviso, i coloni hanno 40 giorni di tempo per andarsene ottenendo in risarcimento un altro pezzo di terra e l’accesso a una serie di servizi.
Al momento i funzionari stanno sorvolando l’area per identificare gli allevamenti e gli insediamenti che non sono ancora stati notificati.
“Dopo così tanti anni di lotta, i miei fratelli e le mie sorelle awá vedono finalmente una luce e hanno la speranza di poter vivere in armonia con la loro foresta” ha detto Nixiwaka Yawanawá, un Indiano dell’Amazzonia che vive a Londra.
La scorsa settimana Padre Ton, deputato brasiliano e presidente del gruppo parlamentare sui popoli indigeni, ha denunciato i pericoli che corrono gli Awá nel corso di una conferenza al Parlamento Europeo intitolata “Gli Awá sull’orlo dell’estinzione”, indetta dall’Organizzazione delle Nazioni e dei Popoli Non Rappresentati. Alla conferenza è intervenuta anche una ricercatrice di Survival, che ha tenuto una relazione.
La scorsa settimana il giudice Carlos Madeira, che ha ordinato l’espulsione di tutti gli estranei dall’area, ha sottolineato alla TV brasiliana Globo News la grave preoccupazione internazionale per gli Awá e ha rivelato di aver ricevuto almeno 10.000 lettere da tutto il mondo che lo sollecitavano ad agire.
Il Presidente del FUNAI ha dichiarato al canale televisivo governativo che “l’organizzazione rimarrà sicuramente nella zona… per monitorare le aree indigene in modo che non avvengano più occupazioni illegali.”
Più del 34% del territorio awá è stato disboscato.
Gli Awá sono una delle ultime tribù nomadi di cacciatori-raccoglitori rimaste in Amazzonia. Se la loro foresta non sarà protetta, non sopravvivranno.

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…