Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio


la Biennale di Venezia /

71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica 
Alice Rohrwacher Presidente della Giuria Internazionale del Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”



Sarà la regista italiana Alice Rohrwacher a presiedere la Giuria Internazionale del Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” della 71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2014.



Alice Rohrwacher ha vinto il Gran Premio della Giuria all’ultimo Festival di Cannes con Le meraviglie. Nel 2011 il suo primo lungometraggio, Corpo celeste, è stato presentato alla Quinzaine des réalisateurs di Cannes e poi selezionato al Sundance e ai festival di New York, Londra, Rio e Tokyo. Corpo celeste ha vinto l’Ingmar Bergman Int. Debut Award, il Nastro d’argento e il Ciak d’Oro per la migliore opera prima, il Premio Suso Cecchi D’Amico per la migliore sceneggiatura.


La 71. Mostra di Venezia si svolgerà dal 27 agosto al 6 settembre 2014 al Lido, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta.



La Giuria Internazionale del Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”, composta da 7 personalità del cinema e della cultura di diversi Paesi, tra i quali un produttore, assegnerà senza possibilità di ex aequo, tra tutte le opere prime di lungometraggio nelle diverse sezioni competitive della Mostra (Selezione ufficiale e Sezioni Autonome e Parallele), il Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”, e un premio di 100.000 USD, messi a disposizione da Filmauro di Aurelio e Luigi De Laurentiis, che sarà suddiviso in parti uguali tra il regista e il produttore.



Negli ultimi anni si sono aggiudicati il Premio Venezia Opera Prima: Le grand voyage (Viaggio alla Mecca) di Ismaël Ferroukhi (2004), 13 - Tzameti di Gela Babluani (2005), Khadak di Peter Brosens e Jessica Woodworth (2006), La zona di Rodrigo Plá (2007),  Pranzo di ferragosto di Gianni Di Gregorio (2008),  Engkwentro di Pepe Diokno (2009), Cogunluk (Majority) di Seren Yüce (2010), Là-bas di Guido Lombardi (2011), Küf (Mold) di Ali Aydin (2012), White Shadow di Noaz Deshe (2013).



Alice Rohrwacher è nata nel 1981 a Fiesole, in Toscana, da madre italiana e padre tedesco. Ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza a Castel Giorgio, vicino Terni, dove il padre lavorava come apicoltore, esperienza che le tornerà utile per Le meraviglie, nel quale recita anche la sorella, Alba Rohrwacher. Si è laureata in Lettere e Filosofia all’Università di Torino e, sempre a Torino, ha frequentato il corso di tecniche narrative alla Scuola Holden. Ha seguito un corso di cinema documentario alla Videoteca Municipal di Lisbona e, successivamente, ha vissuto a Berlino. Nel 2005 ha partecipato, come sceneggiatrice, montatrice e direttrice della fotografia, alla realizzazione di Un piccolo spettacolo, documentario in bianco e nero di Pier Paolo Giarolo, col quale collabora anche nel 2008, in veste di aiuto regista e montatrice, per i documentari Tradurre e Boygo. Sempre come montatrice segue la realizzazione di Le Réseau (2006) di Luciana Fina, In tempo, ma rubato (2009) di Giuseppe Baresi, Residuo Fisso (2009) di Mirta Morrone. Ha lavorato anche in teatro, come drammaturga e musicista, per diversi registi, tra i quali Eleonora Moro, Valter Malosti, Gabriele Vacis e Francesco Micheli. Nel 2006 ha realizzato l’episodio La fiumara nel documentario collettivo Checosamanca. Nel 2011 ha scritto e diretto il suo primo lungometraggio, Corpo celeste, selezionato alla Quinzaine des Réalisateurs, e presentato in numerosi festival tra cui il Sundance Film Festival, il New York Film Festival, il BFI London Film Festival, il Festival do Rio. Con Corpo celeste ha vinto l’Ingmar Bergman International Debut Award, il Nastro d’argento e il Ciak d’Oro per la migliore opera prima e il Premio Suso Cecchi D’Amico per la migliore sceneggiatura. Nel 2014 è tornata al Festival di Cannes, questa volta in Concorso, con Le meraviglie che ha vinto il Gran Premio della Giuria.



Per ulteriori informazioni

Ufficio Stampa la Biennale di Venezia

Tel. 041 – 5218857

ufficiostampa@labiennale.org



Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…