Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio


Donne e Sud del Mondo di Emma Dante: Via Castellana Bandiera

E’ stata spesso la figura femminile al centro delle opere presentate alla 70^ Mostra di Venezia  (2013), di quelle che lasciano commozione e tenerezza, rabbia e introspezione.

Ci confrontiamo con un’opera italiana, che sa offrire (magari in controluce) uno sguardo sulla nostra contemporaneità, il disagio e la crisi (in sospensione) di valori che ci percorre: il Sud del mondo così lontano, così vicino. E’ infatti un luogo non ben definito quello che fa da teatro all’opera prima di Emma Dante, eccellente regista di teatro, che qui si cimenta in una regia cinematografica che tratteggia il teatro greco antico, fra la tragedia e la commedia. Due donne - in un duello formale quanto vibrante fatto di sguardi e di silenzi - sono quelle di “Via Castellana Bandiera” (film in concorso voluto dal direttore Barbera) della pur “esordiente” Emma Dante, almeno per il cinema, con alle spalle una applauditissima carriera teatrale.

Due donne, in quel budello di strada, fanno da contraltare alle ansie del nostro tempo, in questo profondissimo sud: sarà forse Palermo, ma potrebbe essere un altro luogo del mondo, e dell’anima. Una storia sceneggiata su un soggetto apparentemente minimale; ma sono gli sguardi Rosa e Samira, opposti e minacciosi, che si osservano e si affrontano in quell’imbuto improbabile, sospeso ed ampliato nel finale, pronto ad inghiottire gli abitanti in corsa, verso un altrove che ciascuno potrà immaginarsi e ricostruirsi. Figlia di un'altra madre e madre di un'altra figlia, sono due donne impervie votate ad una sorta di autodistruzione che vicendevolmente si ricambiano nei volti violenti eppur smarriti, volti che emanano dolori pregressi  e senza scampo. Non vige senso si tolleranza e neppure di integrazione, emotivamente a compendio dell'altra. Il soggetto si nutre, dunque, di primi piani (per qualche verso la lezione di Sergio Leone) riassumendo la loro ostinazione alla staticità, quale stato fisico ed interiore. La ottantaduenne Elena Cotta (premiata con la Coppa Volpi, miglior attrice della Mostra) e la stessa Emma Dante si sfidano in un contesa senza tempo.

Gli ultimi palpitanti minuti del film (eccellenti) condensano la misura del disagio sociale in cui vive la “periferia” del mondo, come peraltro di una situazione socio-politica del tutto sospesa; e come in una coinvolgente tragedia greca, con Coro (il vicinato) ed eroi suburbani. E’ palpitante il canto finale dei fratelli Mancuso, con voce rotta dal pianto, un lamento che allude ai Sud del mondo, quando cantano: “Cume è sula la strada, chi doveva partire è partito, chi doveva piangere ha pianto, chi doveva morire è morto”.

Profondità e rivelazioni, riscatto e speranza, in una Mostra sempre attenta a guardare il mondo oltre le convenzioni.  



Armando Lostaglio

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…