Passa ai contenuti principali

Scioccante testimonianza di un Jarawa sullo sfruttamento sessuale delle donne della tribù 4 febbraio 2014

Un giovane Jarawa racconta lo scioccante sfruttamento sessuale delle donne della tribù da parte degli esterni, con introduzione di alcol e droghe.
Un giovane Jarawa racconta lo scioccante sfruttamento sessuale delle donne della tribù da parte degli esterni, con introduzione di alcol e droghe.

Una rarissima testimonianza diretta svela la scioccante estensione dello sfruttamento sessuale delle giovani donne Jarawa delle Isole Andamane.
In una registrazione audio ottenuta da Survival e pubblicata dal quotidiano britannico The Observer, un giovane uomo jarawa racconta che i bracconieri entrano regolarmente nella riserva protetta della sua tribù e adescano le ragazze con alcol e droga per poi abusarne sessualmente.
“Le ragazze dicono che gli uomini che vengono da fuori mettono loro pressione perché facciano molte cose. Quando le ragazze si arrabbiano, le stringono con le mani e con le unghie… Le inseguono sotto l’influenza dell’alcol. Hanno rapporti sessuali con loro… Bevono alcol nella casa delle donne. Dormono nelle case degli Jarawa. Fumano marijuana e poi le perseguitano.”
In seguito, il ragazzo elenca i nomi dei bracconieri che entrano nella foresta per approfittare delle giovani donne.
L’intervista è apparsa la prima volta nell’Andaman Chronicle, un giornale locale, che cita anche l’allarmante incremento dei conflitti tra gli Jarawa e i coloni che vivono ai marigini della riserva.
Secondo le testimonianze, lo scorso fine settimana alcuni Jarawa si sarebbero scontrati con un gruppo di locali, riuniti per una festa su una spiaggia ai limiti della riserva. Si pensa che gli Jarawa vogliano punire i responsabili degli abusi.

Boa Snr era l'ultima sopravvissuta della tribù dei Bo, decimata dalle malattie introdotte dai coloni britannici.
Boa Snr era l'ultima sopravvissuta della tribù dei Bo, decimata dalle malattie introdotte dai coloni britannici.

Si è saputo anche che recentemente un gruppo di 60 coloni si sarebbe spinto fino al limite della riserva con l’intenzione di attaccare la comunità jarawa, che però si sarebbe dileguata nella foresta.
I 400 Jarawa che formano la tribù sono particolarmente vulnerabili allo sfruttamento, alle malattie e alla dipendenza da sostanze come l’alcol e la droga introdotti dai bracconieri. Questi cacciatori-raccoglitori nomadi hanno cominciato a uscire dalla foresta senza archi e frecce solo nel 1998, con l’intenzione di avere contatti amichevoli con l’esterno.
Oggi centinaia di turisti attraversano le loro terre con la speranza di avvistare i membri della tribù, alimentando un fenomeno etichettato come ‘safari umani’.
Le malattie sessualmente trasmissibili e l’HIV/AIDS costituiscono una gravissima minaccia per le tribù contattate di recente, come gli Jarawa, e solitamente sono le donne a subire il maggior sfruttamento da parte degli esterni. I vicini degli Jarawa, i Grandi Andamanesi, furono sterminati dalle malattie portate dai coloni britannici nel 19° secolo, inclusa la sifilide.
“È estremamente inquietante apprendere dalla stessa voce degli Jarawa come vengano sfruttati da uomini senza scrupoli che danno loro alcol e droga per adescare e sfruttare le donne della tribù” ha dichiarato Stephen Corry, direttore generale di Survival. “Non soltanto utilizzano queste sostanze per approfittare sessualmente di donne e ragazze indifese, ma rischiano anche di creare pericolose dipendenze che potrebbero risultare devastanti per la tribù. È assolutamente necessario che i responsabili siano consegnati alla giustizia e che tutti i funzionari che hanno permesso queste attività, o che hanno chiuso un occhio a riguardo, siano indagati e puniti”.

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…