Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: Coordimento NoTriv Molfetta

l Mare nero
A seguito delle quattro istanze presentate da Global Petroleum Limited per la ricerca d’idrocarburi in mare, il nascente “Coordinamento No Triv Molfetta”, dopo l’assemblea pubblica tenutasi domenica 15 Giugno a Piazzetta delle Erbe, ribadisce la propria opposizione ad un ennesimo tentativo, da parte delle multinazionali del petrolio, con l’avvallo delle scelte politiche in campo energetico dei governi di ieri ed oggi, di operare nell’Adriatico alla ricerca di gas o petrolio.
 

Chiede all’Amministrazione locale di farsi portavoce verso gli enti sovraordinati, ovvero, Regione e Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo, della contrarietà dei territori costieri alle trivellazioni offshore, utilizzando tutte le leve politiche (a partire dall’inserimento nello Statuto Comunale della contrarietà all’estrazione di petrolio e gas naturale) e giuridiche (principio di precauzione) a disposizione ed attivandosi (con l’ausilio di singoli, associazioni e collettivi organizzati) per formulare entro il 4 Agosto 2014 le osservazioni alle istanze presentate dalla Global Petroleum Limited,
http://www.va.minambiente.it/Ricerca/SchedaProgetto.aspx?ID_Progetto=1415
Da parte del Coordinamento, l’incontro di domenica è stato il primo confronto pubblico su questi temi a Molfetta, cui ne seguiranno altri in tutte le città interessate e non solo per sensibilizzare la popolazione sui rischi ambientali ed economici derivanti dalle trivellazioni, invitando le stesse ad una mobilitazione permanente che vada oltre la possibile manifestazione del 25 Ottobre. L’idea di sviluppo insito in questi processi ha già manifestato il proprio volto oscuro in Emilia Romagna ed in Basilicata dove l’inquinamento del Pertusillo mette a serio rischio la potabilità delle acque non solo per la popolazione lucana, ma anche pugliese. L’illusione che le estrazioni di petrolio e gas incidano sui costi delle bollette energetiche, portando profitto a comuni e regioni interessate, è stato smentito dal conseguente peggioramento di tutte le altre attività produttive (agricoltura, pesca, turismo) che hanno svuotato la ricchezza naturale dei territori ed intensificato l’emigrazione, quando al contrario le attività di estrazione del gas e del petrolio avrebbero dovuto accrescerne il valore.
La partita che si gioca sui territori avrà aspetti fondamentali per il futuro delle comunità perché riguarda la tutela della salute, lo sviluppo sano dell’economia ripartendo dalle eccellenze delle nostre zone, il rispetto della Costituzione con il tentativo evidente di mettere in discussione il Titolo V che garantisce alle regioni l’autonomia nelle scelte in campo energetico.

Coordinamento  No – Triv Molfetta

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…