Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: Associazione Culturale EUREKA



   In data 19 giugno si è costituita a Corato l’Associazione Culturale EUREKA. I soci fondatori sono: la dott.ssa Rossana Bucci in qualità di Presidente, nonché Consulente del Lavoro, il dott. Oronzo Liuzzi Vice Presidente, artista e scrittore e il giornalista Franco Tempesta segretario. La sede è in Via Torquato Tasso n.30.



   L’associazione non ha finalità accademiche né vuole rientrare nel novero delle infinite associazioni sterili o limitate a circoli ricreativi;   ma intende muoversi con finalità autentiche e originali che promuovano la dinamicità delle  idee  per una corretta crescita del conoscere, orientata verso fondamentali principi umani e plastici della nuova realtà sociale. Pertanto sarà aperta alle problematiche locali e si prefigge la realizzazione di un divenire costante di eventi originali, volti alla promozione di idee che coinvolgeranno a tutto tondo il mondo culturale giovanile e non, al fine di favorire una sua crescita, anche estetica, fornendo spunti meditativi autentici e completamente radicali.  

   Le finalità e ‘il fare’ saranno numerosi e impegnativi sul territorio di Corato con progetti innovativi che riguarderanno arte,  letteratura, performance, giornalismo, cinema, storia, non trascurando il patrimonio artistico locale con le sue tradizioni, la medicina alternativa, al fine di motivare la persona a prendersi cura personalmente del suo stato di salute in modo alternativo senza intaccare la medicina ufficiale; e inoltre, la viodeoarte, conferenze e convegni su temi e problematiche aziendali e territoriale, teatro, archeologia ecc..

   “L’idea è quella di avvicinare l’arte” sostiene la dott.ssa Rossana Bucci “alle realtà aziendali, perché si crei una sinergia attiva tra arte e territorio, per promuovere e valorizzare le realtà locali ed extralocali del nostro territorio. Quindi, cercare di lavorare con desiderio e serietà per una valorizzazione e promozione positiva” continua Bucci “dal punto di vista aziendale e artistico, con la partecipazione attiva da parte dei giovani, in modo da far conoscere Corato, mediante rapporti, finalità e interscambi culturali, per favorire nello  stesso tempo le strutture turistiche e tutte le nostre bellezze e ricchezze territoriali al fine di  aumentare il flusso turistico nazionale e internazionale”.

   Saranno coinvolti personaggi illustri del mondo artistico, letterario, culturale e scientifico, così da creare una attiva partecipazione con l’intera popolazione. Una associazione dove non mancherà la speranza, l’identità e il vedere con occhi diversi.

   Anche le scuole saranno integrate e coinvolte nei progetti e nei programmi dell’associazione, al fine di creare una forza solida verso un cammino sicuro, aperto e promettente per i ragazzi, con l’intento di stimolarli a nuove sensazioni estetiche, artistiche e creative per una corretta comprensione e conoscenza critica.

   L’obiettivo è anche quello di tener presente le altre associazioni esistenti sul nostro territorio, nel segno forte di collaborazione e di cooperativismo.

   Le possibilità e le potenzialità ci sono. Per crescere. Per instaurare un nuovo divenire e destino culturale. Un vento fresco. Un mondo parallelo più simile al contemporaneo. Il tutto attraverso l’utilizzo di perseveranza e della buona volontà.

  

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…