Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: SABATO A MELFI LA PRIMA FESTA DEL BASKET


Mattinata coi bambini delle scuole, tornei 3 vs 3 ed amichevole al pomeriggio
Passione per il basket in crescita nella città di Melfi grazie all’ottimo lavoro svolto, in meno di un anno, dalla nuova, giovane società gialloverde presieduta da Gerardo Montanarella.

La creazione di un centro minibasket federale, le ottime cose con i piccoli dell’Under 14, i due tornei Under 17 e 19 per fortificare la fascia intermedia ed un campionato di Promozione in crescendo, sono i riscontri, di certo positivi, di una attività figlia della passione per la palla a spicchi e della possibilità di dare una spinta importante al binomio sport e scuola, in ambito di crescita con valori forti per i giovani della città, che ora si concretizza con una forte collaborazione instaurata con le scuole elementari e medie della città. Il tutto, ora, trova ulteriore forza nell’appuntamento di sabato, dalle 10 alle 12,30 presso il Palasport di Via Foggia, con la “Prima Festa del Basket Gialloverde”, concretizzata dalla Normanna in collaborazione con la Mitica Food e con i Comprensivi Marottoli – Ferrara e Nitti – Berardi, oltre col Patrocinio di Comune, Coni di Basilicata, Fip Regionale e Settore Minibasket. “Sarà una bella ed importante occasione per noi, come società e come gruppo comprendendo atleti, tecnici, collaboratori per fare attività e divertirci tutti con protagonisti i bambini e le bambine delle scuole elementari ed i giovani delle medie di Melfi – ha detto il presidente Montanarella illustrando l’iniziativa – e tutta la mattinata di sabato vedrà i nostri tecnici e i nostri atleti di minibasket ed Under 14 giocare, divertirsi, palleggiare, vivere momenti ludici e percorsi obbligati con cerchi, coni, palloni e canestri per quella che sarà una vera festa per tutti, compresi maestri, amici, genitori che saranno presenti per dar carica giusta a tutti coloro che saranno in campo e sugli spalti per l’evento”. Gadget, acqua, uno spuntino in comune, gare di abilità con e senza pallone, piccole sfide, una maglietta celebrativa, tutti offerti dalla Normanna Basket Melfi saranno poi il completamento di una mattinata insieme, a “Furor di Basket” da ricordare a lungo, anche per i due dirigenti scolastici, Cirocco e Guidi, premiati con una targa per la collaborazione instaurata con la società cestistica melfitana, alla presenza dell’assessore Moccia e della responsabile minibasket di Potenza Sabia. Nel pomeriggio spazio a tornei 3 vs 3 per fasce di età, una gara da 3 punti, l’amichevole finale tra i protagonisti della prima stagione melfitana e alcuni cestisti in arrivo dalla provincia di Foggia, guidati in panca da coach Antonio Russo, prima che tutti i componenti la Asd Normanna Melfi, dirigenti, tecnici, atleti, vengano premiati con una medaglia.  

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018