Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: XI RADUNO NAZIONALE della FAMIGLIA MORETTI di RIONERO IN V.


La Famiglia Moretti di Rionero in Vulture (PZ), organizza per il giorno 31 maggio 2015 il suo XI Raduno Nazionale. I membri della famiglia sparsi sul territorio nazionale, avranno come ogni anno, la possibilità di incontrarsi e di passare insieme una piacevole giornata. L’idea ed il primo tentativo di raduno della Famiglia Moretti di Rionero nasce nel 1988 ad opera di Moretti Benito.



Il primo raduno viene realizzato però solo nel 2005 ad opera di Giovanni Moretti di Alfonso che già aveva collaborato con Benito nel 1988. La decisione nasce in occasione della perdita dello zio Giovanni Moretti di Milano, come una provocazione a tutti i familiari che riuscivano a riunirsi, purtroppo, solo in simili tristi occasioni. D’allora, Giovanni Moretti, figlio di Alfonso, ogni anno organizza il Raduno. La Famiglia Moretti è una delle storiche famiglie di Rionero. Il primo Moretti presente a Rionero, fu Vincenzo Rocco, classe 1837 che venne dal paese di Airola (BN) come fattore per la Famiglia Fortunato. Qui ha sposato la rionerese Angela Russillo che gli ha dato la bellezza di 13 figli: 6 femmine e 7 maschi. Però solo tre di loro sopravvissero, 2 femmine ed un maschio, Giovanni. Ed è stato proprio l’unico maschio sopravvissuto, Giovanni Moretti (1875-1955), a dare origine al “ceppo” dei Moretti rioneresi. Grazie a lui la famiglia ha raggiunto un totale di oltre 200 persone. Dall’albero genealogico aggiornato costantemente, risultano ad oggi 87 famiglie di cui 17 estinte e 70 esistenti con 283 componenti di cui 71 deceduti e 212 viventi tutti residenti in Italia tranne due famiglie rispettivamente in Inghilterra e Australia. I partecipanti si raduneranno alle ore 10,00 presso la chiesetta di Sant’Antonio a Rionero dove, alle ore 10,30 daranno un saluto ed un omaggio ai vecchietti della Casa di Riposo. Alle ore 11,00 sarà celebrata una santa messa in ricordo dei defunti. Dalle ore 13,00 la giornata proseguirà presso il Ristorante La Pergola e sarà animata, come di solito, da eventi a sorpresa ma anche dagli stessi membri della famiglia ai quali notoriamente non manca l’allegria e la simpatia. Sarà esposto il grande albero genealogico della famiglia, sempre aggiornato con le nascite, i decessi e i matrimoni ed integrato con i dati reperiti dalle continue ricerche dell’organizzatore Giovanni Moretti. Come ogni anno saranno consegnate le spille commemorative e una pergamena ad un componente la famiglia. La giornata terminerà con il taglio dell’originale torta e con i fuochi d’artificio.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018