Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi


Raso al suolo

Quello che è avvenuto a Roma, l'auto in fuga dalla polizia con a bordo tre rom che ha investito nove persone, uccidendo una donna peruviana, rischia di sortire per la Lega Nord l'effetto che l'orribile omicidio della signora Reggiani ebbe nella corsa a sindaco di Alemanno. Salvini lo sa e ha aperto subito la raffica verbale, che sarà pesante da qui a sabato, giorno del silenzio elettorale. I mass media faranno altrettanto.


Sarà difficile lo scambio di opinioni, per chi la pensi diversamente dal “radere al suolo ora” tutto e tutti. Sarà difficile per i cittadini cercare di raccontare, ma soprattutto di raccontarsi, che la realtà è complessa e le soluzioni semplici ingannevoli. Sarà difficile far capire che le squadre dei violenti che già si stanno organizzando per le missioni punitive, quella donna peruviana fino a ieri l'avrebbero rimandata al paese suo: “una di meno”, per molti di loro. Ogni fine settimana veicoli sparati come proiettili da individui ubriachi, strafatti, falciano altre vite, ma agli italiani importa poco, mentre il massimo che se ne ricava dalla politica è una blanda campagna sull'omicidio stradale.
Il fatto però è che diventa sempre più difficile, ricorre ancora questo termine, riflettere su ciò che ci circonda e la fatica è tanta, al punto che viene voglia di gettare la spugna, prima di crollare al tappeto. Cedere così al sentimento di massa, ma restare in piedi. Le prossime ore saranno un inferno e superarle lucidi e ancora in grado di lottare contro il pensiero semplice, che quasi mai è quello giusto, è impresa cui molti tra gli italiani anche più dotati di buon senso potranno non riuscire. Da lunedì, una forza politica fatta da gente che ha governato lo sfascio del paese negli ultimi venti anni, urlando allora la propria onestà contro la disonestà altrui, grazie ad altre urla diventerà la seconda forza del paese e questo fa paura.
Un altro limite è stato superato e dove stiamo andando non è più così chiaro. O forse lo è, troppo.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018