Passa ai contenuti principali

Contro-Video: Un drone esplora la città fantasma di Tomioka vicino Fukushima




Nel 2011, il Giappone è stato colpito dal più grande disastro nucleare della storia dell’uomo dopo Chernobyl. Il terremoto di Tohoku ha causato uno tsunami che si è schiantato contro la centrale nucleare di Fukushima, la quale non rispondeva ai requisiti di sicurezza per le centrali nucleari, e che vide contaminate le acque antistanti e molte delle acque che si incunearono sotto la terra, con una nube tossica di tale dimensione che raggiunse addirittura l’Europa. Nei giorni seguenti il disastro furono evacuate circa 180.000 persone, e molte altre furono allontanate dalla zona nei mesi successivi.
La città di Tomioka, limitrofa alla centrale nuclare di Fukushima, fu completamente evacuata dei suoi 14704 abitanti, che si lasciarono dietro tutti gli oggetti della propria vita. Un solo uomo è ritornato alla città, si tratta di Naoto Matsumara, un contadino che ha deciso di sfidare i livelli radioattivi per non lasciar morire 400 mucche, 60 maiali, 30 galline, 10 cani, più di 100 gatti e vari struzzi. L’uomo, che ha intrapreso una battaglia che con ogni probabilità lo porterà alla morte, ha livelli di radioattività 14 volte superiore al normale, ma continua coraggiosamente nella sua opera di cura degli animali rimasti indifesi.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni

LA VULTUR RIONERO IN IMMAGINI

Un volume di Pasquale De Nicola illustra la storia e gli eventi dal 1920 al 2000 Un pregevole quasi “almanacco calcistico” del sodalizio Vultur Rionero. Questo l’interessante volume dal titolo “ L’orgoglio e la passione bianconera” che ha come sottotitolo “ Storia, immagini, documenti del calcio rionerese dal 1920 al 2000”, autore Pasquale De Nicola, presentato nei giorni scorsi presso il Centro Sociale “Pasquale Sacco”di Rionero alla presenza di un foltissimo pubblico di ex giocatori, ex allenatori, ex dirigenti, oltre che di tifosi e sportivi giovani e meno giovani.