Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Dal 27 al 31 Luglio Picerno ospita il festival internazionale di chitarra classica. La manifestazione si apre con il concerto del Maestro Carlo Marchione da Maastricht


Inizia lunedi 27 Luglio il Guitar Festival di Picerno, manifestazione unica che permetterà di ascoltare alcuni tra i più grandi chitarristi al mondo.
Il Guitar Festival 2015 è organizzato dall’associazione “Emiolia” di Potenza in collaborazione con la Pro loco e l’amministrazione comunale. La direzione artistica è di Gianfranco Summa, presidente di Emiolia e rappresentante degli studenti nel Consiglio Accademico del Conservatorio “Gesualdo da Venosa” di Potenza.


Il giovane chitarrista è appena rientrato da un tour di concerti negli atenei del Brasile e dell’Uruguay, un’esperienza artistica e di vita unica che ha portato il nome della Basilicata all’estero e ha permesso all’artista di instaurare dei rapporti proficui con artisti stranieri che saranno ospitati in regione.



Nel corso di una conferenza stampa nella sede RAI, insieme a Summa, hanno spiegato nel dettaglio la manifestazione, Il sindaco di Piceno Giovanni Lettieri Nicola Figliuolo Assessore al turismo, Carmine Caivano assessore al Bilancio, Fausto Taverniti, Direttore RAI Basilicata e Michele Miglionico, Presidente Gal Marmo Melandro.

Il festival si apre con il concerto del Maestro Carlo Marchione, da tempo insegnante presso il Conservatorio di Maastricht, il quale dopo numerose tappe del suo tour che toccherà Cracovia, Mechelen, Aschaffenburg, Saragozza, Enschede, Vallendar ,Vienna, Hessenpark,si esibirà in un concerto pubblico e gratuito nella suggestiva torre medievale di Picerno. 



Nei giorni seguenti terrà la masterclass, occasione unica d’incontro e di approfondimento per tanti giovani chitarristi italiani e non.

Nei giorni seguenti si esibiranno in concerto i chitarristi Yasuaki Hiura dal Giappone, l’italiano Flavio Nati e Thiago Colombo dal Brasile.
Contemporaneamente il festival sarà affiancato dal 1° “Concorso internazionale di composizione musicale per chitarra”. Al vincitore andrà un premio in denaro di 1000 euro e la possibilità di tenere un concerto nell'edizione successiva.



Con questa iniziativa il Presidente e l’amministrazione si pongono l'obbiettivo di fare di Picerno e della Basilicata un centro di cultura e di produzione artistica di rilievo e perseguono l’ambizione di fare del comune lucano un punto di riferimento per la chitarra classica nel Sud Italia.

Carlo Marchione è nato a Roma ha iniziato a prendere lezioni di chitarra da 10 anni con il Maestro L. Cauzzo, e in seguito con L. Galuzzi. Nel 1976 è entrato al Conservatorio di Santa Cecilia. Ci ha studiato con il Maestro Mario Gangi, diplomandosi con lode nel 1983.
Nel corso della sua carriera ha ricevuto molti primi premi in concorsi internazionali (Ancona 1979/80, "L. Legnani" Parma 1981 "M. Giuliani" 1982 "Ville de Sablé" del 1985, Gargnano 1989, "N. Paganini "del 1991," Città di Latina "1992).
E’ ospite dei più esclusivi festival in tutta Europa, appare sia come solista che con orchestra e vari di musica da camera gruppi.
Durante il tour in Russia nel 1997 è stato invitato ad esibirsi nella prestigiosa Sala Grande di "Tchaikowsky Conservatorio di Mosca", così come la Filarmonica di San Pietroburgo, un onore raramente concesso a un chitarrista. Nell'ottobre del 1998 ha fatto il suo debutto nella "Berliner Philharmonie".

Come altamente distinto seminario riconosciuta docente in materia di analisi musica per chitarra, è stato eletto professore a tre accademie di musica in Europa. E' docente presso l'Accademia di Musica "Ino Mirkovic" di Lovran (Croazia), professore onorario alla Hochschule für Musik und Theater "Felix Mendelssohn Bartholdy"Leipzig (Germania) ed è attualmente docente presso il Conservatorio di Maastricht (Olanda), dove ha una delle classi con più successo in Europa. 

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018