Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: 12 Febbraio, a Sanremo il convegno Dolore e Creativita' Musicale: Diagnosi e Terapia


Attorno al Teatro Ariston un nugolo di iniziative: vi aspettiamo nella Sala degli Specchi del Comune di Sanremo. Tre medici, il libro Dolore no-te, due momenti di nuovo rock suonato, campi di utilizzo terapeutico della Cannabis..

Il Festival della Canzone Italiana si svolge all'interno del Teatro Ariston .. ma quello è solo il centro vorticoso di una manifestazione che coinvolge tutta il mondo musicale italiano. Si parla che anche economicamente quello che passa dal Festival di Sanremo rappresenti il 40% (se non addirittura il 50%, in alcuni anni il 60% ..) dell'indotto che in un anno solare si genera in Italia sul fronte artistico/musicale.

Oltre a dare delle soddisfazioni economiche, un progetto porta anche tensione nervosa e susseguenti problemi neurovegetativi. In poche parole chi vive la musica, è spesso vittima dello stress: il convegno che stiamo costruendo si centra proprio su questo focus e ne analizzeremo i vari momenti, danni e soprattutto soluzioni, sviscerando tutto sull'uso terapeutico della Cannabis.. smascherando anche leggende metropolitane.

Per il momento non posso darvi i dettagli degli argomenti trattati ed i due artisti che si presenteranno durante il convegno: il primo proiettando in anteprima il suo videoclip, il secondo con un breve concerto in acustico... un pò di suspence fa bene, perchè abbatte lo stress! Una sferzata di adrenalina ..

Quello che vi posso suggerire è di fare di tutto per essere con noi dalle 10 alle 12,30 di Venerdì 12 Febbraio 2016 a Sanremo: dopo il convegno, fiondiamoci davanti al Teatro Ariston a vedere lo struscio degli artisti famosi, una visita alle postazioni delle grandi radio presenti, la possibilità di volantinare la propria passione musicale .. il tutto con un sorriso carnevalesco stampato sul viso!


di Giancarlo Passarella

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018