Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Roma. Musica GUCCIO! 2 febbraio h 21 - IL BALLO - Cenerentola - U B U R O I

TEATRO VASCELLO IN MUSICA
SPECIALE PROMOZIONE VALIDA PER UN MINIMO DI DUE PERSONE
martedì 2 febbraio h 21: 1 biglietto speciale a 5€ e 1 a 15€ prenotati subito apromozione@teatrovascello.it 065898031 per IL CONCERTO SPETTACOLO
sull'Opera musicale di Francesco Guccini


da un'idea di Roberto Manuzzi e Giuseppe Gandini

con gli attori Valentina BruscoliGiuseppe Gandini
musica dal vivo Germano Bonaveri (voce)
Roberto Manuzzi (sax e fisarmonica)
Luca Longhini (chitarra)
con le canzoni di Francesco Guccini


Grande, unico e imperdibile appuntamento dello spettacolo/concerto dal titolo 'GUCCIO!'. Spettacolo sull'Opera musicale di Francesco Guccini ideato da Giuseppe Gandini e Roberto Manuzzi e diretto da Gandini. In scena gli attori Valentina Bruscoli, Giuseppe Gandini e Filippo Sandon e i musicisti Roberto Manuzzi, Antonello d'Urso e il cantante Germano Bonaveri. La drammaturgia, scritta ad hoc da Giuseppe Gandini, racconta di una improbabile coppia che si ritrova nel 1996 ad un concerto di Guccini. Lui è un fan sfegatato, Lei non lo conosce nemmeno, ma accetta l'invito e va al concerto per assecondare Lui, suo simpatico compagno di Università alla Facoltà di Lettere di Bologna. Tra loro NON succederà assolutamente nulla, ma dopo il concerto nulla sarà come prima: QUELLO CHE NON accade viene guccinianamente raccontato come assai rilevante (e divertente) per la vita reale. Il tutto intervallato da grandi classici del cantante emiliano come 'Il Vecchio e il Bambino' e 'la Locomotiva', magistralmente interpretati da Roberto Manuzzi (25 anni di tour con Guccini), Antonello d'Urso (bravissimo chitarrista) e dal cantante bolognese Germano Bonaveri.
TEATRO VASCELLO ROMA
SPECIALE PROMOZIONE VALIDA PER UN MINIMO DI DUE PERSONE
dal 22 al 31 gennaio dal martedì al sabato h 21 domenica h 18: 1 biglietto speciale a 5€ e 1 a 15€ prenotati subito a promozione@teatrovascello.it 065898031 perspettacolo di PROSA
racconto di scena ideato e interpretato da Sonia Bergamasco, Premio Eleonora Duse 2014
liberamente ispirato a Il ballo di Irène Némirovsky
Il ballo, pubblicato con grande successo nel 1930, è uno dei racconti più crudeli e affascinanti di Irène Némirovsky, brillante scrittrice di cui recentemente si è riscoperto lo straordinario valore. Qui l'autrice reinterpreta la fiaba di Cenerentola attraverso la storia del complesso e tormentato rapporto tra una madre egoista e ambiziosa, Rosine e la figlia adolescente Antoinette. Al centro della vicenda lo sfarzoso ballo che Rosine, proveniente da una famiglia piccolo borghese arricchita, organizza in casa senza badare a spese mossa da un irrefrenabile desiderio di rivalsa e affermazione sociale. Dal ballo viene esclusa però Antoinette la quale, dopo quattordici anni di mancanza d'amore, vivrà questo divieto come l'ultimo affronto e diverrà l'artefice di una spietata vendetta. Queste pagine, acute e penetranti, raccontano la storia di una piccola crudeltà sviscerando un tema doloroso venato di una corrente sotterranea di tenerezza.
TEATRO RAGAZZI
info e prenotazioni promozione@teatrovascello.it 065881021 - 065898031
ogni sabato h 17 e ogni domenica h 15
dal 30 gennaio al 6 marzo Prima Assoluta

Diretto e interpretato da Valentina BonciIsabella CarleMatteo Di GirolamoMarco FerrariChiara Mancuso,Valerio RussoPierfrancesco Scannavino

Scene e costumi Clelia Catalano
Assistente scene e costumi Silvia Colafrancesco
Musiche originali e canzoni Claudio Corona Valerio Russo
Produzione La Fabbrica dell'attore - Teatro Vascello

Vi aspettiamo per vivere insieme questa divertentissima avventura con i simpatici topi, il gatto matto, le gracchianti sorellastre, l'insopportabile matrigna, e con la magia e lo scintillio della Fata madrina, della scarpetta di cristallo e delle sale del palazzo dove si apriranno le porte sul vero amore.

E tranquilli: la magia al Teatro Vascello c'è sempre, anche dopo la mezzanotte!

Prezzi: Vascello dei Piccoli: adulti: €10,00, ridotto € 8,00 bambini

TEATRO VASCELLO ROMA
SPECIALE PROMOZIONE VALIDA
dal  4 al7 febbraio dal giovedì al sabato h 21 domenica h 18: biglietti speciali a 12€ prenotati subito a promozione@teatrovascello.it 065898031 per lo spettacolo Cult
Fortebraccio Teatro

di Alfred Jarry
adattamento e regia di Roberto Latini



con Roberto Latini
e con

Francesco Pennacchia, Padre Ubu
Ciro Masella, Madre Ubu
Sebastian Barbalan, Regina Rosmunda/ Zar Alessio
Marco Jackson Vergani, Capitano Bordure/ Orso
Lorenzo Berti, Re Venceslao/ Spettro/ Nobili
Guido Feruglio, Principe Bugrelao
Fabiana Gabanini, Palotini/ Orsa/ Messaggero

Datato 1896, il testo è la definizione di un processo di teatralizzazione unica: un gioco scolastico che diventa spettacolo per marionette e poi occasione scenica per riflessioni sulla natura dell'arte teatrale. Attraverso una costante reinterpretazione del Macbeth di Shakespeare, Alfred Jarry apre il Novecento alla "patafisica", la scienza delle soluzioni immaginarie.

SOSTIENI LA CULTURA VIENI AL TEATRO VASCELLO

Il Teatro Vascello ha aperto un nuovo spazio Bar l'ART THEATRE BIO BISTRO' aperto dalle 11 alle 23 propone : aperitivi, vino, cibo veg, cucina crudista, estratti, centrifughe e smootie, tanti canapè veg, tisane, tè dal mondo, yoga, , musica, laboratori sensoriali miele/olio, eticamostre d'arte; a questo riguardo si è aperta la nuova mostra di Opere di Caterina Vitelozzi  ispirata al mosaico classico fino ai linguaggi interdisciplinari dell’arte contemporanea, che sarà godibile fino al 15 febbraio, vi aspettiamo!

Info 065881021 Teatro Vascello Via Giacinto Carini 78 Monteverde Roma

 

Come raggiungerci: Il Teatro Vascello si trova in Via Giacinto Carini 78 a Monteverde Vecchio a Roma sopra a Trastevere, vicino al Gianicolo.

Con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma tel 06 5800108; Via Francesco Saverio Sprovieri, 10, Roma tel 06 58122552; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma tel 06 5803217, Via R. Giovagnoli, 20,00152 Roma tel 06 5815157


Con mezzi pubblici: autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano: da Ostiense fermata Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e