Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: XXI CinEtica CineClub Vittorio De Sica Cinit - BasilicataCinema



CineClub Vittorio De Sica     - Cinit  - BasilicataCinema
Rionero in Vulture (Pz)
 XXI CinEtica – Mostra Cinematografica 2016
Misticismi corsari  Pasolini e Oltre

Il Cineclub V. De Sica, Associazione di cultura cinematografica - presieduta da Armando Lostaglio -  intende, anche per questo nuovo anno, proporre opere cinematografiche legate ad una tematica specifica. In questa XXI edizione si è pensato ad un titolo (quasi un ossimoro) Misticismi corsari. Un omaggio al pensiero e all’opera di Pier Paolo Pasolini, di cui si sono da poco celebrati i 40 anni dal suo assassinio. Intrecciare dunque attorno a questa idea altre opere di autori che ispirati da una sorta di misticismo (religioso o laico) hanno interpretato con il loro cinema una idea di profondità e di sacro, in una misura non convenzionale. A questi autori leghiamo anche l’immenso Orson Welles (cadono nel 2015 cento anni dalla nascita e 30 dalla scomparsa), che è stato anche attore di un film di Pasolini (La ricotta) che proporremo in questa Mostra CinEtica. Intendiamo introdurre i film e discuterne con autori ed intellettuali che possano offrire ulteriore spessore dialettico ai film, opere che un CineClub deve sempre mantenere vive nella memoria collettiva, contro ogni forma di oblio.
CinEtica in questa edizione ha avuto un prologo con la presenza della regista NELLA CONDORELLI che ha presentato al pubblico e agli studenti del Campus (oltre 400 persone) il suo film documentario 1893. L’inchiesta, che avemmo modo di vedere all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, in collaborazione di Cinit Cineforum Italiano.  Ed  avrà una conclusione editoriale, dopo la visione dei sette film in rassegna, con la presenza della scrittrice e critica CARMEN DE STASIO che presenterà il suo ultimo libro “Come raccontare la magia delle parole” (Ed. Arianna). 
Con BasilicataCinema (network di festival) e Cinit – Cineforum Italiano, aderiscono a CinEtica anche la Università Unilabor “E. Cervellino” ed il C.I.F. Centro Italiano Femminile, col patrocinio di Regione Basilicata, Comune di  Rionero in Vulture e del Ministero dei Beni e Attività Culturali.
Questi i film, in programma ogni domenica dal 31 gennaio, ore 17,30 (con ingresso gratuito) Centro Sociale “P. Sacco”  (sala “P. Di Lonardo”):  

Decalogo 2 di K. Kieslowskji con la regista Amila Aliani;
Timbuktu di A. Sissako  con padre Dominique Agbalenyo;
Teorema di P.P. Pasolini con la preside Pina Cervellino e la prof. Antonietta Lostaglio;;
Profondo Sacro di Gianni Maragno con il prof. Raffaele Giordano (Unibas Matera);
Ro.Go.Pa.G (La ricotta) di P.P.Pasolini, con  il prof. Giampaolo D’Andrea;
Il grande silenzio di P. Groning e In memoria di me di Saverio Costanzo (sequenze) con mons. G. Todisco e Armando Lostaglio;
Melancholia di Lars Von Triers con la regista Amila Aliani

                   
Chiara Lostaglio

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e