Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Debutti CENERENTOLA e GUCCIO! Teatro Vascello Roma


STAGIONE TEATRALE 2015-2016
Teatro Vascello 
sala Giancarlo Nanni 
Vascello dei Piccoli

NUOVO DEBUTTO
Spettacolo adatto per TUTTA LA FAMIGLIA
Venerdì 4 MARZO H 10.30 prezzo in matinee 8,00 euro + omaggio prof accompagnatore
dal 30 gennaio  al 6 marzo 2016
ogni sabato h 17 e ogni domenica h15
CENERENTOLA 



Diretto e interpretato da Valentina Bonci, Isabella Carle, Matteo Di Girolamo, Marco Ferrari, Chiara Mancuso, Valerio Russo, Pierfrancesco Scannavino
Scene e costumi Clelia Catalano
Assistente scene e costumi Silvia Colafrancesco
Musiche originali e canzoni Claudio Corona e Valerio Russo
Supervisione alla regia Maurizio Lombardi
Produzione La Fabbrica dell'attore - Teatro Vascello

Dopo il recente successo di pubblico al Teatro Vascello con gli spettacoli "Peter Pan" e "Aladdin", la Fabbrica dell'attore propone un nuovo ed originale lavoro, "Cenerentola", che debutterà in prima assoluta dal 30 gennaio  al 6 marzo 2016.

Grazie ad un allegro e talentuoso team creativo, con la regia fresca e divertente di Maurizio Lombardi, le suggestive video proiezioni dal grande impatto visivo di Paride Donatelli, i costumi e le scene di Clelia Catalano, le canzoni originali, composte appositamente per lo spettacolo da ..., un cast di giovani attori trasporterà tutta la famiglia tra anfratti polverosi e misteriosi, topi ballerini, magici scintillìi, zucche scarrozzanti e le sgargianti sale del palazzo reale, per una nuova avventura alla scoperta del potere dei sogni e dei desideri.
I giovani attori sapranno stupirci e incantarci, confermando un appuntamento ormai sempre più atteso da persone di ogni età, in un divertimento teatrale dove il lavoro sul corpo è il vero protagonista.


Siete pronti a farvi scarrozzare da una magica zucca? Dove ci porta?

Tutto nasce tra la polvere: la vita sembra proprio dura per la povera e bella Cenerentola!
"Lava! Stira! Pulisci! Cucina!" Con Un'arcigna matrigna e due sorellastre antipatiche, viziate e, sì, anche un po' invidiose, le sue ore trascorrono ad eseguire faticose e rocambolesche faccende domestiche.
Se non fosse per l'allegra brigata degli amici topini ad allietarle le giornate e farla sbellicare dalle risate, le sue giornate sarebbero grigie e tristi come la cenere che ogni giorno pulisce e che è diventata il suo nome e il suo destino.
Ci penserà la sua buffa e saggia Fata Madrina ad offrirle l'opportunità per cambiarlo, scoprendo che tra la polvere c'è anche polvere di stelle da soffiare sui sogni e desideri, affinché diventino realtà.

Vi aspettiamo per vivere insieme questa divertentissima avventura con i simpatici topi, il gatto matto, le gracchianti sorellastre, l'insopportabile matrigna, e con la magia e lo scintillio della Fata madrina, della scarpetta di cristallo e delle sale del palazzo dove si apriranno le porte sul vero amore.

E tranquilli: la magia al Teatro Vascello c'è sempre, anche dopo la mezzanotte!

IL VASCELLO DEI PICCOLI

Orari: 
sabato ore 17.00   domenica ore 15.00


Biglietteria: 

Intero adulti € 10,00
Ridotto bambini € 8,00
Servizio di prenotazione € 1,00 a biglietto
Per ogni spettacolo si organizzano feste di compleanno presso il teatro abbinate agli spettacoli per i bambini, info ai numeri del teatro vascello

TEATRO VASCELLO

via Giacinto Carini, 78 – 00152 Roma
Cristina D’Aquanno ufficio stampa e promozione 3405319449 (cellulare) Teatro Vascello 06 5881021 – 06 5898031 - fax 06 5816623 
Info  promozione@teatrovascello.it www.teatrovascello.it 
SOSTIENI LA CULTURA VIENI AL TEATRO VASCELLO


UNO SPAZIO DI LIBERTA’ DOVE L’IMMAGINAZIONE DIVENTA REALTA’

Come raggiungerci: Il Teatro Vascello si trova in Via G. Carini 78 a Monteverde Vecchio a Roma sopra a Trastevere, vicino al Gianicolo. Con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma tel 06 5800108; Via Francesco Saverio Sprovieri, 10, Roma tel 06 58122552; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma tel 06 5803217
Con mezzi pubblici: autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano: da Ostiense fermata Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e