Passa ai contenuti principali

Evasion, notizie del libero pensiero: Tarangire National Park in Tanzania. Omo la giraffa bianca


Omo è un esemplare femmina di 15 mesi di giraffa bianca, il suo rarissimo colore bianco è dato dalla mancanza di melanina
La giraffa bianca, così detta per via del suo colore quasi interamente bianco presenta una condizione “estremamente rara” della pelle, che può ritrovarsi su diverse specie animali.

La giraffa bianca di nome Omo è stata vista nella boscaglia africana di recente. Il bellissimo esemplare femmina ha 15 mesi e soffre di leucismo, ovvero della mancanza di melanina, un pigmento che conferisce il colore abituale alle giraffe, e la fa apparire estremamente delicata. Ma le apparenze non devono ingannare, perché a parte la mancanza di melanina la giraffa bianca gode di un’ottima salute.


C’è una differenza tra l’albinismo e un aspetto leucistico; gli occhi offrono dei chiari segni rivelatori. Da un lato, l’albinismo implica un colore della pelle bianco o da un aspetto giallo pallido. Inoltre, gli occhi degli esemplari affetti dall’albinismo sono anch’essi molto pallidi, con sfumature che vanno dal rosso al rosato.
Al contrario, la condizione di Omo è data dalla sua poca o assoluta mancanza di pigmentazione. Se un animale soffre di questo aspetto, solitamente manifesta tratti incolore nella pelle, negli occhi, nei peli e altre zone del corpo. Tuttavia gli occhi di Omo non sono interessati dalla mancanza di melanina.


Il dottor Derek Lee, uno dei fondatori del Wild Nature Institute di Weaverville, nella Carolina del Nord ha avuto modo di scoprire la stupenda giraffa bianca tra un branco di suoi simili, durante una serie di osservazioni condotte all’interno del Tarangire National Park, dove al momento vivono più di 2100 giraffe.


“Omo sembra andare d’accordo con le altre giraffe, lei è sempre stato visto con un folto gruppo di giraffe dal colore colore – non sembrano accorgersi della sua colorazione diversa“. Ha spiegato, aggiungendo: “Omo ha ora 15 mesi di vita – è sopravvissuto al suo primo anno come un piccolo vitello, che è il periodo più pericoloso per una giovane giraffa a causa di leoni, leopardi delle iene che li predano.”


Di solito il rischio maggiore per animali come la giraffa bianca è dato dal fatto che sono più facilmente vittime dei predatori a causa della loro incapacità di mescolarsi con il resto del branco o della capacità di mimetizzarsi con l’ambiente circostante. E’ un problema che si rivela anche per i predatori, perché le prede li vedono arrivare con maggiore facilità tra i colori della boscaglia africana, dove il bianco non è presente.

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.