Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lomabrdi: La patrimoniale c'è, ma non si vede

Sembra ormai chiaro, o almeno così dicono. Il recente fallimento, anzi salvataggio, di quattro istituti bancari italiani, non è imputabile né alle ruberie dei relativi vertici societari, né all'incompetenza e rapacità di dirigenti e funzionari, né agli allarmismi della BCE. La causa sarebbe un'altra, vale a dire l'alto numero di sofferenze bancarie dovute alla crisi che dal duemilanove colpisce l'economia mondiale.
Imprese e famiglie non sono riuscite a saldare debiti contratti quando la loro capacità reddituale era in buona salute e la cosa non poteva essere prevista dai banchieri in buona fede. Non c'è dolo e non c'è colpa. E' la dura legge del capitalismo e sfortunato chi la subisce. Si è discusso molto su come rimediare a questa crisi e in molti hanno chiesto ai governi, compreso il nostro, di spostare la tassazione dal reddito ai patrimoni, ridistribuendo la ricchezza così raccolta ai soggetti più a rischio. Non lo si è fatto, perché tassare i patrimoni è una cosa ingiusta, brutta. Bene, ma lo si vada a dire ai centinaia di azionisti e obbligazionisti delle banche fallite, pardon salvate, che dall'oggi al domani si sono visti calare sul collo la mannaia di una tassa patrimoniale di fatto dall'aliquota unica del cento per cento. Chiedete loro se avrebbero preferito pagare un tributo vero, sancito per legge, che colpisse tutti in proporzione alla ricchezza, con aliquote tra l'uno e il due per cento, favorendo la ripresa e con essa la solvibilità dei clienti finanziati dalle banche. Certo, col senno di poi avrebbero accettato, ma prima? No, non lo avrebbero fatto e proprio a questo servono i governi, proprio per questo le leggi in materia tributaria non possono essere soggette a referendum popolare. C'è chi è pagato per prendere simili decisioni. Viviamo in un sistema di ipocrisia diffusa, dove i grandi capitali impongono un regime fiscale di finta libertà, che si traduce in un mostro la cui fame viene placata periodicamente offrendovi i patrimoni del ceto medio-basso. Perché chi perde i risparmi, la casa, l'azienda, li sacrifica alla tirannide finanziaria che si cela dietro alla maschera splendente e benevola del liberismo.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e