Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lomabrdi: La patrimoniale c'è, ma non si vede

Sembra ormai chiaro, o almeno così dicono. Il recente fallimento, anzi salvataggio, di quattro istituti bancari italiani, non è imputabile né alle ruberie dei relativi vertici societari, né all'incompetenza e rapacità di dirigenti e funzionari, né agli allarmismi della BCE. La causa sarebbe un'altra, vale a dire l'alto numero di sofferenze bancarie dovute alla crisi che dal duemilanove colpisce l'economia mondiale.
Imprese e famiglie non sono riuscite a saldare debiti contratti quando la loro capacità reddituale era in buona salute e la cosa non poteva essere prevista dai banchieri in buona fede. Non c'è dolo e non c'è colpa. E' la dura legge del capitalismo e sfortunato chi la subisce. Si è discusso molto su come rimediare a questa crisi e in molti hanno chiesto ai governi, compreso il nostro, di spostare la tassazione dal reddito ai patrimoni, ridistribuendo la ricchezza così raccolta ai soggetti più a rischio. Non lo si è fatto, perché tassare i patrimoni è una cosa ingiusta, brutta. Bene, ma lo si vada a dire ai centinaia di azionisti e obbligazionisti delle banche fallite, pardon salvate, che dall'oggi al domani si sono visti calare sul collo la mannaia di una tassa patrimoniale di fatto dall'aliquota unica del cento per cento. Chiedete loro se avrebbero preferito pagare un tributo vero, sancito per legge, che colpisse tutti in proporzione alla ricchezza, con aliquote tra l'uno e il due per cento, favorendo la ripresa e con essa la solvibilità dei clienti finanziati dalle banche. Certo, col senno di poi avrebbero accettato, ma prima? No, non lo avrebbero fatto e proprio a questo servono i governi, proprio per questo le leggi in materia tributaria non possono essere soggette a referendum popolare. C'è chi è pagato per prendere simili decisioni. Viviamo in un sistema di ipocrisia diffusa, dove i grandi capitali impongono un regime fiscale di finta libertà, che si traduce in un mostro la cui fame viene placata periodicamente offrendovi i patrimoni del ceto medio-basso. Perché chi perde i risparmi, la casa, l'azienda, li sacrifica alla tirannide finanziaria che si cela dietro alla maschera splendente e benevola del liberismo.

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog