Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: L’Unibas celebra la Giornata della Memoria con il concerto “Memorie di Shlomo


L’Università della Basilicata celebrerà la Giornata della Memoria con una “lezione concerto” – in programma il 25 gennaio a Potenza, nell’Aula Magna del rione Francioso, dalle ore 18 – di Nadia Martina con il gruppo musicale “Shanah Tovah”, dal titolo “Memorie di Shlomo”, nell’ambito della rassegna “Universa Musica”. Il gruppo (Nadia Martina alla voce, Fabio Zurlo alla fisarmonica, Gianpaolo Saracino al violino, Vincenzo Grasso al clarinetto, e Roberto Chiga alle percussioni) proporrà i suoni della tradizione musicale ebraica.
Con una rilettura personale, il gruppo “Shanah Tovah” (“Buon Anno” in ebraico) si occupa
di reinterpretare, hanno spiegato gli organizzatori, “il repertorio tradizionale profano di musica ebraica. In questo concerto offre un viaggio nel mondo musicale ebraico, in particolare attraverso il repertorio della tradizione Sefardita in giudeo-spagnolo e della tradizione Aschenazita in lingua yiddish. Nella scaletta ovviamente non mancano i classici in lingua ebraica come Shalom Aleichem, Yerushalaym Shel Zahav e Hava Nagila”.
Il gruppo, di origine salentina, nasce nel gennaio 2011. Nadia Martina, fondatrice e cantante del gruppo, laureata in Musicologia e Beni Musicali, si occupa già da diversi anni di ricerca nel campo della musica tradizionale ebraica, in particolare della tradizione Sefardita e Aschenazita, con diverse partecipazioni importanti”. Nei prossimi appuntamenti la rassegna Universa Musica presenterà, nelle due sedi di Potenza e Matera dell’Università della Basilicata, musiche di varie epoche e nazioni, in collaborazione con i Conservatori delle due città, e l’attività del Coro dell’Unibas diretto da Marisa Melfi.


Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e