Appuntamenti in Primo Piano: La stagione teatrale 2016/2017 "Il Teatro. Liberi d’interpretare" "Teatri Uniti di Basilicata", riparte da Matera


Il progetto culturale del "Consorzio Teatri Uniti di Basilicata" di portare il Teatro in ogni angolo della regione Basilicata continua il prossimo giovedì 2 febbraio, alle ore 21.00, a Matera, a Casa Cava con lo spettacolo "La camera da ricevere", con Ermanna Montanari, che apre ufficialmente la Stagione Teatrale 2016/17 "Il Teatro.



Liberi d’interpretare". Ermanna Montanari, più volte "Premio Ubu" e "Premio Duse 2013", ci condurrà in un viaggio teatrale, che è il racconto dalla sua "stanza dei travestimenti" con alcune figure ritagliate dal repertorio delle sue interpretazioni storiche, in una produzione dalla "Compagnia Teatro delle Albe", delle più importanti realtà sul piano nazionale e internazionale. 


Nelle giornate di domani, mercoledì 1 e giovedì 2 febbraio, sono previsti anche due momenti di incontro per raccontare e approfondire il mondo creativo del "Teatro delle Albe" che Ermanna Montanari ha fondato circa trent'anni fa con il compagno di vita e d'arte, Marco Martinelli, e con Marcella Nonni e Luigi Dadina. Il regista e scrittore Marco Martinelli, mercoledì 1 febbraio, alle ore 20.30, presso lo IAC, in via Casalnuovo 154, con la lettura pubblica del suo prezioso libriccino "Farsi luogo", traccerà la vibrante mappa etica, morale e profondamente politica di "un teatro che sia utile e necessario come l'ago per cucire". 


Il regista del "Teatro delle Albe" non dispensa consigli su cosa fare se si dimentica la battuta, ma è piuttosto una dichiarazione d'amore al Teatro inteso come luogo privilegiato della relazione, dell’incontro, dell’interlocuzione con l’altro. Quella di Martinelli è una semina iniziata ormai vent’anni anni fa quando le Albe fecero i primi passi della non-scuola, la singolare iniziativa, capace di portare il Teatro agli adolescenti e gli adolescenti al Teatro in vari luoghi del mondo, dalla sede naturale di Ravenna a Scampia, al Senegal, da Mazara del Vallo a San Felice sul Panaro dopo il terremoto, da New York a Mons a Santarcangelo. Ma Farsi luogo non è solo un resoconto di quell’invenzione, anzi, è una riflessione morale, etica, personale e collettiva sul fare teatro oggi: "Farsi luogo - scrive Martinelli - è un edificare in movimento". 


L'appuntamento è riservato ad un pubblico massimo di cento persone, ed è realizzato in collaborazione con il "Centro Arti Integrate". Un'occasione da non perdere per chi ama il Teatro della verità umana e la pedagogia teatrale rivolta ai giovani, è l'appuntamento in programma per giovedì 2 febbraio, alle ore 18.00, presso Palazzo Lanfranchi, dove sarà presentata la straordinaria esperienza formativa ed espressiva della non-scuola, raccontata nel suo ultimo libro "Aristofane a Scampia (Ponte alle Grazie, 2016)". Il presupposto della scrittura è la grande fiducia verso i giovani, anche quelli di oggi, che, per Martinelli, non sono affatto "sdraiati", passivi o condizionati dai social network, ma sono animati da sentimenti, passioni e utopie come per tutte le generazioni che si affacciano alla vita. Si tratta allora di portare in evidenza la vita, prima ancora che la scena, magari con l’aiuto dei grandi classici della scrittura teatrale, come Brecht, Skakespeare o l’amato Aristofane, guide sempre eterne per la mobilitazione di energie, emozioni, rabbie e speranze. A conversare con l'autore, sarà Marta Ragozzino, Direttore del "Polo Museale della Basilicata" e Paolo Verri, dg della "Fondazione Matera 2019". È, comunque, possibile utilizzare il bonus cultura per acquistare i biglietti degli spettacoli della Stagione Teatrale 2016/17, organizzata dal "Consorzio Teatri Uniti di Basilicata", in collaborazione con il sostegno del Mibact, della Regione Basilicata e dei quindici Comuni che la ospitano. Per maggiori informazioni e prevendita dei biglietti potete contattare il sito internet www.teatriunitidibasilicata.com. 

di Rocco Becce robexdj@gmail.com
REPORTAGE COMPLETI
SIDERURGIKATV Testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. num. Reg. Stampa 470